Album fotografico Pietri Amedeo

Val Posina

Chiesa di Ossati, Altopiano di Cavallaro 2 Agosto 1916. Clicca sull’immagine per andare alla sezione “Ieri&Oggi”

La prima linea nemica sotto Sogli di Campiglia, Val Posina 2 Agosto 1916

Contrà Berta (Altopiano di Cavallaro), 2 Agosto 1916 – Clicca sull’immagine per andare alla sezione “Ieri&Oggi”

(tutte le immagini di questa sezione sono di proprietà della curatrice del sito)


Strafexpedition e Asiago

Nella frazione di Matassone, Comune della Vallarsa (TN), nel 1914 vennero costruite una serie di fortificazioni austriache, composte da trincee, osservatori,  camminamenti e un fortino a Pozzacchio (comune Trambileno). Tutte queste fortificazioni vennero poi abbandonate dagli austriaci, permettendo così alle truppe italiane di prenderne possesso. Nel Maggio del 1916 (inizi della Strafexpedition), gli austriaci le riconquistarono. Di nuovo, nel Giugno del 1916, queste fortificazioni tornano in mano italiana, poi ancora agli austriaci, insieme al forte di Pozzacchio.

Un 380mm non esploso, verso la strada del Mattasone (clicca sull’immagine per andare alla sezione “Ieri&Oggi”)

Curiosità: verso la fine degli anni ’70, venne ritrovato a Matassone un proietto inesploso da 420mm; fu evacuata mezza Vallarsa e nel frattempo il proietto fu trasportato in luogo sicuro per farlo brillare. Proveniva da un obice austriaco (da 42cm). Nel periodo della Grande Guerra ve ne erano posizionati due, vicino a quella zona: uno tra Volano e Calliano (TN), l’altro in Val di Riva, alla periferia di Rovereto (quest’ultimo vi rimase sino al termine del conflitto)

Ai primi di Giugno del 1916, in piena strafexpedition, parte della Vallarsa fu teatro di numerosi scontri di artiglieria; uno dei tanti obiettivi di conquista austriaca fu, per la posizione strategica, il Parmesan.

A Pietri Amedeo, Encomio Solenne:

Durante un’azione, manifestatosi il bisogno di avere, in una avanzata, due cannoni da montagna, caricatili sopra un’automobile, li trasportava sulla posizione stessa, percorrendo una strada battuta dall’intenso fuoco dell’artiglieria nemica.
Vallarsa, 10 Giugno 1916“.

Asiago:

Come ricordo la vasta e bella pianura a dolci curve quasi tutta coperta da verdi praterie separate fra loro da lastre di pietra che davano al paesaggio un aspetto caratteristico; come ricordo quei tetti aguzzi a forti pendenze, quei bei villaggi che l’adornavano, Enego col castello scaligero, Gallio e Foza dominati dalle Melette, Lusiana coi magnifici boschi, Roana ed il pittoresco Rotzo al cospetto dell’alta montagna e di valli profonde….

Tratto dal libro “Pagine Eroiche” del Ten. Generale Pasquale Oro. Udine, Tip. D. Del Bianco e Figlio, 1923

Altopiano di Asiago, Giugno 1916

Altopiano di Asiago, Giugno 1916

Maschere antigas


Zone Montane

Trincea sul Col di Lana. Clicca sull’immagine per andare alla sezione “Ieri & Oggi”

Foto gentilmente concessa dall’Archivio Danilo Morell – Associazione Storica Cimeetrincee –

Foto sopra: in primo piano sulla destra (con l’alpenstock), sembra esserci Pietri Amedeo, ma la suggestione è tanta!

Forse accampamenti sul Monte Averau o Nuvolau

CELEBRAZIONI RELIGIOSE:

Scene di Celebrazioni religiose (probabilmente Sante Messe), al fronte, officiate da un Cappellano Militare:

Foto sopra e sotto: Pietri Amedeo sulla sinistra aiuta il cappellano militare a vestirsi

tutte le immagini (se non diversamente specificato) sono di proprietà della curatrice del sito


Isonzo e Artiglieria

Traino di un cannone da 149 sull’Isonzo

Campanile di Sagrado (Gorizia) distrutto

Osservatorio all’aperto sull’Isonzo

Forse un’altra immagine di case distrutte a Sagrado

Gruppo di militari italiani. Soldati della fanteria, artiglieria, mitraglieri. Forse dietro le linee, zona Carso (?). Qui di seguito riporto una cartina datata 1915: “Schieramento dell’artiglieria, sul Fronte dell’Isonzo, per l’offensiva dell’autunno 1915. PIANO E”. Fonte: Biblioteca Maldotti di Guastalla, Miscellanea n.396. Vietata la riproduzione

 

Cannone da 149 G (ghisa)

Proietto da 380 mm

Proietto di un cannone austriaco, 380mm, inesploso

Cannone italiano da montagna, 65mm, in posizione da contraerea

Proietto da 380mm

Proiettili da 149 con spoletta posteriore

3 thoughts on “Album fotografico Pietri Amedeo

Rispondi a Silvia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *