Ex-Cimiteri Militari Italiani

26 Agosto 2014
Tutti i diritti riservati: è vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti (compresi files in pdf) del sito senza l’autorizzazione esplicita del proprietario

In questa sezione saranno analizzati alcuni ex-cimiteri militari italiani, chiusi nel dopoguerra e le salme trasferite in Sacrari vicini. Di alcuni di questi ex cimiteri è stato reperito un elenco delle salme che vi erano sepolte: può essere un aiuto per avere una “tracciabilità” della prima sepoltura dei militari ivi sepolti (da tener sempre conto che molti cognomi o dati potrebbero essere errati).

Cimiteri analizzati:

  • Ex-cimitero militare di PASSO BUOLE-Trentino
  • Ex-cimitero militare di BOCCALDO-Trento
  • Ex-cimitero militare di PIERABECH-Forni Avoltri
  • Ex-cimitero militare di CAPPELLETTA di NOALE-Venezia
  • Lapide a FARRA d’ALPAGO-Belluno
  • Ex-cimiteri militari zona COLBRICON
  • Ex-cimiteri militari zona MONTE ZUGNA-Val Lagarina

Ex-Cimitero Militare di CAPPELLETTA di NOALE

entrata-ex-cimitero-cappelletta

Il cimitero militare di Cappelletta di Noale, durante la guerra, raccolse le salme dei militari morti nell’ospedale da campo n.238 situato a Cappelletta (dalla rotta di Caporetto a fine 1918), nell’ospedale di guerra CRI n.5 (stesso periodo), nell’ospedale da campo n.191 a Briana e Castello di Stigliano (per tutto il 1918) e nell’ospedaletto da campo n.0127 a Moniego. Dopo la guerra le salme furono traslate al Sacrario di Fagarè, escludendo quelle che furono traslate a casa su richiesta dei familiari. Oggi rimane un’area in ricordo, con le targhe dei militari che vi erano sepolti. Purtroppo queste targhe riportano alcuni errori: con un lavoro di collaborazione con altri ricercatori, abbiamo ricostruito l’elenco dei militari che vi furono sepolti, cercando di correggere e trovare gli errori, mettendo a confronto varie fonti:

Ex cimitero militare Cappelletta di Noale

01_a

Ex-Cimitero Militare di PASSO BUOLE

In questo ex-Cimitero, chiamato anche “Cimitero della Brigata Sicilia” furono sepolti 77 militari italiani (di cui 45 ignoti) e 21 militari dell’esercito austro-ungarico ignoti. Le salme dei militari italiani furono traslate, nel dopoguerra, al Sacrario di Casteldante (Rovereto):

Ex cimitero militare Passo Buole

Ex-Cimitero Militare di BOCCALDO

Nell’ex-Cimitero Militare austro-ungarico di Boccaldo (Comune di Trambileno) furono sepolti provvisoriamente 16 militari italiani, poi trasferiti al Sacrario Militare Casteldante di Rovereto. Ecco l’elenco:

Ex cimitero militare Boccaldo-Trento

Ex cimitero Boccaldo TrambilenoRingrazio L.B. per le foto e la ricerca

Ex-Cimitero Militare di PIERABECH-Forni Avoltri

da una ricerca di Gianmarco Artico

Pierabech sitoA Pierabech, situata a circa 3 Km dal Comune di Forni Avoltri (Udine), vi sono i resti dell’ex cimitero militare della Prima Guerra Mondiale; le salme poi furono traslate nel dopoguerra al Tempio Ossario di Udine. Grazie alla ricerca di Gianmarco Artico, ora possiamo conoscere i loro nomi (e all’integrazione dei dati dall’albo di Gianni Mandelli):

Ex-cimitero militare Pierabech-Forni Avoltri

Pierabech5Ringrazio Gianmarco Artico per la ricerca fatta e per averla condivisa…

Lapide a FARRA D’ALPAGO-Belluno

Lapide Bus del Ciodo-Farra d'AlpagoFoto di Giuseppe Zilotti

In questo caso non si tratta di un ex-cimitero militare, ma di una lapide posta sul Monumento ai caduti di Farra d’Alpago: sulla lapide vengono ricordati alcuni nomi di militari che morirono il 9 e 10 Novembre 1917 presso il “Bus del Ciodo” e in località “Col Piai”. La lapide si riferisce ai caduti italiani nell’ultima resistenza all’invasione degli austro-ungarici provenienti dal Cadore: dopo un primo scontro a Longarone, di seguito resistettero sul Fadalto al fine di permettere all’esercito italiano la ritirata verso Ceneda e Serravalle a sud est e verso Belluno a ovest. Vi sono anche 2 nomi di militari dell’esercito austro-ungarico, di cui uno ignoto. I dati sono stati estrapolati dalla lapide, poi confrontati con l’Albo Ministeriale dei caduti:

  • Colla Clemente (Albo caduti: sottotenente 23° Regg. Fanteria, nato a Trecate, disperso il 10/11/1917 sul Piave)
  • Minanti Albino (Albo caduti: Minante Albino, soldato 48° Batt.Bersaglieri, nato a Rubano, morto il 10/11/1917 in prigionia)
  • Zornio Sante (Albo caduti: Zormio Sante, soldato 1082° Comp. Mitraglieri Fiat, nato a Trecate, disperso il 10/11/1917 sul Piave)
  • Guguscio Giorgio (dalla lapide: soldato 23° Regg.Fanteria, 18° Compagnia)
  • Fustinelli Filippo (dalla lapide: soldato 8° Regg.Bersaglieri)
  • Soldato Ignoto (dalla lapide: soldato esercito Austroungarico del gruppo K.K. Kirk N. 1°-5° Comp.)
  • Roman (dalla lapide: appartenente all’esercito Austroungarico)
  • Pegoraro Ercole (Albo caduti: Pecoraro Ercole, maggiore 8° Regg.Bersaglieri, nato a Taranto, morto il 10/11/1917 sul campo)

Ringrazio Giuseppe Zilotti, presidente Ass. Famiglie Caduti e Dispersi in guerra, Comitato di Belluno, per la segnalazione

Ex-Cimiteri Militari zona COLBRICON

Tutte le salme qui elencate, sepolte in un primo tempo in questi ex-Cimiteri di guerra, furono traslate nel dopoguerra nei Sacrari di Casteldante (Rovereto) e Feltre.

EX-CIMITERO MILITARE di SAN MARTINO di CASTROZZA

Ex cimitero militare S.Martino di Castrozza

 

EX-CIMITERO MILITARE di PANEVEGGIO

Ciò che rimane oggi dell’ex-cimitero di Paneveggio
Fonte foto in bianco e nero: Museo a S.Martino di Castrozza di Edoardo Zagonel, che ringrazio. Proprietà riservata

Nella tabella vi sono elencati i militari che furono esumati dalla zona del Colbricon, poi seppelliti inizialmente nell’ex-Cimitero Militare di Paneveggio. Tutti i dati sono stati desunti dai verbali di esumazione dell’epoca (la grafia di tali documenti è pessima, per cui leggere bene i dati non è stato sempre possibile):

Un esempio di scheda di esumazione. Fonte: Archivio Raccolte Storiche – Milano fondo Società S.Martino Solferino (ricerca Andrea Bianchi). Vietata la riproduzione:

 Ex cimitero militare Paneveggio

Ex-Cimiteri Militari italiani del MONTE ZUGNA

di Tiziano Bertè

Proprietà foto: Museo Civico del Risorgimento di Bologna. Tasto destro del mouse “visualizza immagine” per allargare l’immagine

Terminata, verso inizio luglio 1916, la controffensiva italiana a presidio delle prime linee del Monte Zugna rientra la brigata Taro (207° e 208° r. fanteria) dopo aver partecipato alle battaglie di passo Buole ed essere stata ricostituita. Cappellano del 207 fanteria era Don Annibale Carletti, originario di Motta Baluffi in provincia di Cremona, per le azioni che portò a compimento a Castel Dante, il 15 maggio 1916, a Costa Violina, il 17 ed a passo Buole il giorno 30, venne decorato con Medaglia d’Oro al Valor Militare:

“In quella zona – mi scrive D. Carletti – non trovai se non gruppi di croci sparse un po’ da per tutto, che mi davano un senso di freddo abbandono. Molte croci erano senza nome… Ne parlai al Colonnello Danioni, comandante il reggimento, e ottenni che cinque soldati, nelle ore di tregua, fossero destinati alla cura delle tombe,… Così formai dei cimiteri, la dove c’erano già dei gruppi di tombe isolate. Nessuna esumazione…”.
Tratto da uno scritto di Don Antonio Rossaro del 1922, pubblicato dalla S.A.T in occasione del cinquantenario di fondazione.

Con il termine del conflitto il Regio Esercito, nel 1919, iniziò la bonifica dei campi di battaglia con il recupero delle armi, munizioni abbandonate, proietti d’artiglieria e bombe inesplose delle quali era disseminato il territorio interessato dai combattimenti. Appositi reparti vennero incaricati del recupero delle salme insepolte e dei resti umani mai potuti raccogliere prima. Nella zona della valle Lagarina e del Monte Zugna, venne inviata la XII Sezione Disinfezione, la quale, oltre a queste incombenze, sistemò i cimiteri presenti e vi raccolse le numerose sepolture che erano sparse per il territorio interessato alle operazioni belliche. Inoltre eliminò alcuni piccoli cimiteri, dei quali si sono perse purtroppo le tracce, accorpandoli a quelli maggiori. Questi sono i cimiteri militari italiani presenti sul Monte Zugna:

S. Matteo
S. Martino
S. Giorgio
S. Giovanna d’Arco
SS. Maurizio e Lazzaro
S. Barbara
Coni Zugna già S. Maddalena
Addolorata
Redentore già S. Costanzo

Non so chi, ne quando e perché qualcuno cambiò i nomi dei due Cimiteri.

“Non senza un alto significato religioso e patriottico, D. Annibale Carletti, denominò questi raggruppamenti di tombe, da lui diligentemente ridotti in cimitero da campo, con nomi di Santi guerrieri appartenenti all’Intesa. Così feci – egli scrive – per dimostrare che religione e patria non sono in contrasto, e che la religione non impedisce esser bravi soldati e perché notificando alle famiglie l’ubicazione della tomba dei loro cari, era più bello e più religioso dire che essi erano sepolti nel cimitero di S. Giorgio, di S. Martino ecc., anzi che nel cimitero N. 1, N. 2…”.

Attualmente le salme che vi riposavano si trovano nel Sacrario di Castel Dante, poco a sud di Rovereto, dove sono state traslate all’inizio degli anni 20 del secolo scorso, e dall’elenco dei Caduti ho tratto quanto sotto…

“Quando arriva sulla Zugna la primavera
sparisce la neve, i prati riacquistano colore,
sulle tombe dei soldati che son morti in guerra
tra l’erba spunta sempre qualche fiore…”
– Antonio Bruschetti, Ombre  –

CIMITERO MILITARE di S. MATTEO
Elenco delle salme dei Caduti riesumate:

Cimitero di S.Matteo, Aprile 1991. Foto di Tiziano Bertè

Ex cimitero militare S.Matteo-Monte Zugna

Vi erano inoltre inumate le Salme di 53 soldati italiani Ignoti, per un totale di 100 soldati italiani. Le sepolture totali erano 122, presumibilmente le altre 22 Salme erano di soldati austro-ungarici. Nota: i soldati Turra Giovanni e Serafini Alfonso appartenevano alla 127^ batteria bombarde e sono deceduti il 23/05/1918.

CIMITERO MILITARE di S. MARTINO
Elenco delle salme dei Caduti riesumate:

Ex cimitero militare S.Martino-Monte Zugna

Vi erano anche 3 salme di italiani ignoti per un totale di 17 italiani. Le sepolture totali erano 26, presumibilmente le altre 9 erano di soldati austro-ungarici dei quali non si conoscono le generalità.

CIMITERO MILITARE di S. GIORGIO
Elenco delle salme dei Caduti riesumate:

Cimitero di S.Giorgio, Aprile 1991. Foto di Tiziano Bertè

 Ex cimitero militare S.Giorgio-Monte Zugna

Vi erano inoltre sepolte le salme di 10 italiani ignoti per un totale di 84 salme di soldati italiani. In totale vennero inumate le salme di 106 soldati, presumibilmente le altre 22 salme appartenevano a soldati austro-ungarici.

CIMITERO MILITARE di S. GIOVANNA D’ARCO
Elenco delle salme dei Caduti riesumate:

 Ex cimitero militare S.Giovanna-Monte Zugna

Vi erano sepolte anche altre 14 salme di soldati italiani ignoti, per un totale di 67 italiani. Le sepolture totali erano 84, presumibilmente 17 salme erano di soldati austro-ungarici. Nota: i soldati del I reparto d’assalto di marcia partecipante all’attacco alla Foraora del 23 maggio 1918, probabilmente sono stati trasportati feriti nelle linee italiane e deceduti il giorno seguente 24 maggio.

CIMITERO MILITARE dei S.S. MAURIZIO e LAZZARO
Elenco delle salme dei Caduti riesumate:

Ex cimitero militare S.S.Maurizio e Lazzaro-Monte Zugna

Vi erano tumulati altri 7 soldati italiani ignoti per un totale di 38 italiani. Le sepolture totali erano 45, presumibilmente 7 erano soldati austro-ungarici dei quali non si conoscono le generalità.

CIMITERO MILITARE dedicato a S. BARBARA
Elenco delle salme dei Caduti riesumate:

Ex cimitero militare S.Barbara-Monte Zugna

Vi erano sepolte anche le salme di 72 soldati italiani Ignoti per un totale di 99 italiani. Inoltre erano presenti altre 28 salme, presumibilmente di soldati austro-ungarici dei quali non si conoscono le generalità Le salme di soldati inumate nel Cimitero di S. Barbara erano in totale 127. Le salme del capitano De Brand e del sottotenente Bianchetti vi sono state sepolte nel 1919, durante la bonifica del campo di battaglia, dato che erano deceduti nel corso dell’attacco alla Foraora, del 23 maggio 1918, e, all’epoca, non era stato possibile il loro recupero.

CIMITERO MILITARE CONI ZUGNA
Elenco delle salme dei Caduti riesumati:

Cimitero di Coni Zugna, Maggio 1992. Foto di Tiziano Bertè

  • Ragazzini Vincenzo, 7° Art. da Fortezza, 216ª Batteria, morto il 14/12/1917
  • Tanucci Mario, 5° Genio minatori, morto il 25/06/1916
  • Tomasi Francesco, 165° Fanteria, C.i.G.
  • Tulli Rocco, 18° Art. da Campagna, 8ª Batteria, morto il 16/09/1918
  • Vallotti Giovanni, Art. da Montagna, morto l’11/06/1916

Vi erano inoltre sepolte le salme di 3 italiani Ignoti per un totale di 9 Caduti italiani. Le sepolture totali erano 10. la decima salma si presume fosse di un Caduto austro-ungarico del quale si ignora il nome. Un documento risalente all’estate del 1917, conservato nell’Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore Esercito, lo indica come Cimitero Militare di S. Maddalena.

CIMITERO MILITARE ADDOLORATA e del REDENTORE

Nel cimitero dell’Addolorata, oltre ai militari in elenco, vi erano altri sette soldati italiani Ignoti portando il totale a 28 italiani. Le tombe totali erano 33. Presumibilmente queste ultime cinque tombe potevano essere di soldati austro-ungarici ma dei quali non ho trovato i nomi.

Nel cimitero del Redentore, oltre ai militari in elenco, vi erano sepolti altri 15 soldati italiani Ignoti portando il totale a 22 salme di soldati italiani. Le sepolture totali erano 24, presumibilmente due salme erano di soldati austro-ungarici dei quali non si consce il nome. Un documento risalente all’estate del 1917, conservato nell’Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore Esercito, lo indica come dedicato a S. Calino:

Ex cimitero militare Addolorata e Redentore-Monte Zugna

 

Bibliografia

Giovanni Barozzi
Ombre in Zugna 1914 – 1918
Museo Storico Italiano della Guerra – Rovereto 1986
Claudio Gattera, Tiziano Bertè, Marcello Maltauro
Le Piccole Dolomiti nella Grande Guerra
Gino Rossato editore, Novale Valdagno 2000
Tiziano Bertè
Il colpo di mano italiano alla Foraora (Monte Zugna – 23 maggio 1918)
Museo Storico Italiano della Guerra – Rovereto 1998
Tiziano Bertè con il contributo di Otto Tomasoni
Passo Buole Termopili d’Italia
Edizioni Stella – Rovereto 2003
Tiziano Bertè
Cimiteri Militari italiani del Monte Zugna
In Aquile in guerra N° 16 2008Società Storica Guerra Bianca
da pag. 21 a pag 36, presenti anche fotografie storiche dei Cimiteri Militari
Nota: parte di questi testi sono in vendita preso il Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto. Telefono 0464 438100 oppure www.museodellaguerra.it

41 thoughts on “Ex-Cimiteri Militari Italiani

  1. Pasquale Rottura says:

    Buonasera Sig.ra Silvia,
    sto cercando dati sul luogo di sepoltura del mio bisnonno FERRAUTO DOMENICO nato il 19/08/1891 e morto nel 1916 in combattimento nella cima 1 del Monte San Michele, appartenente al 141° Reggimento di Fanteria.
    Le sarei grato se riuscisse a farmi avere notizie in merito.
    Ringrazio anticipatamente ed invio i più cordiali saluti.
    Pasquale Rottura

      • Pasquale Rottura says:

        Gent.ma Silvia,
        Mi perdoni, in effetti ha ragione Lei, il cognome da FERRAUTO è stato storpiato in FERRANTO. Quando dice dovrebbe essere sepolto qui, dove intende?
        Grazie per la cortesia e cordiali saluti.
        Pasquale Rottura

        • Silvia says:

          Deve cliccare al link che le ho dato e digitare il cognome con vari tentativi…(Ferranti, Ferrante, ecc…)

  2. Anna Primofiore says:

    SALVE SONO LA SIG: ANNAPRIMOFIORE FINALMENTE DPO TANTE RICERCHE ABBIAMO INDIVIDUATO CHE NOSTRO ZIO GIARDINA SEBASTIANO MORTO NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE E SEPPELLITO A BARACCAMENTI ZAGORA: QUALCUNO MI PUO DIRE DOVE SI TROVA E SE E POSSIBILE A CHI RIVOLGERMI PER PORTARLO?

    • Roberto says:

      saluti, alcuni giorni fa sono stato Zagora, si trova in Slovenia, su un colle sopra l’ Isonzo, dove e’ stata posta la prima testa di pote del Regio Esercito Italiano oltre l’ Isonzo. A valle, Vicino Plave, vi era una chiesetta costruita, nel 1916, dal 128rgt fanteria (conglobata Brigata Firenze?) dove erano seppelliti oltre 3500 militari, poi traslati nell’ ossario diOslavianel 1923….ho visitato questa chiesetta, chiamata di San Luigi, ristrutturata nel 2016. Un saluto da Isola d’ Istria, Roberto

  3. Massimiliano Salata says:

    buongiorno,
    qualche anno fa ho svotlo una piccola ricerca su mio bisnonno morto nella Grande Guerra. dal comune di residenza venni a sapere che era morto prigioniero nell’ ospedale di Klagenfurt e sepolto in tomba singola nel cimitero sempre di Klagenfurt e successivamente traslato in fossa comune nel monumento ai caduti italiani di quel cimitero. Volevo sapere innanzi tutto se vi risulta l’ esistenza di un monumento con fossa comune a Klagenfurt con caduti italiani e nel caso avere una foto. Mio bisnonno si chiamava BASSOTTI Alessandro Giovanni.

    • Silvia says:

      Buonasera…
      Effettivamente, sul database di onorcaduti, come luogo di sepoltura di Bassotti Alessandro Giovanni risulta: Klagenfurt, monumento ossario cimitero comunale…
      Foto però non ne possiedo, mi spiace…

  4. Alberto Biagioli says:

    Salve, sarei grato se riuscissi ad avere notizie della sepoltura di mio nonno Angelo Versiglioni appartenete al 5 regimento bersaglieri, nato a Magione il 3 dicembre 1882 e morto il 3 dicembre 1915 sul monte Mrzli.

    grazie infinite in anticipo.

    • Rossoni Emilio says:

      salve, sarei grato se riuscisse ad avere notizie della sepoltura di mio nonno Rossoni Agostino nato a Chieve il 14.11.1886 matricola 10016 (75) morto in località Sasso del Mulo (Marmolada) il 12.5.1917 come risulta dal registro atti di morte del 3° Reggimento Bersaglieri iscritto al n. 321 e sepolto a TABIA ERC. Poichè non trovo questo ex cimitero di guerra, chiedo dove sia stato traslato successivamente.

      Grazie infinite

      • Silvia says:

        Salve…
        L’atto si riferisce al Sass del Mul, sulla Marmolada…In teoria il caduto dovrebbe trovarsi al Sacrario Pocol, ma apparentemente non l’ho trovato (ma non vuol dire)..
        Provi a scrivere ad Onorcaduti..le sapranno dare risposte certe…
        Cordialmente
        Silvia

  5. Giacomo says:

    Salve! Io faccio ricerche su un mio parente, caduto sul carso l’11 luglio del ’17, a quota 241 sul carso.. Era granatiere di sardegna e, sul foglietto matricolare, è scritto che è morto per ferite riportate in combattimento, come scritto sull atto di morte del reggimento granatieri di Sardegna.. Come posso visionarlo? Al comune di residenza mi hanno detto di non averlo.. Ho scritto una mail al reggimento granatieri, ma nessuna risposta..

  6. elena aumiller says:

    Salve,
    sto cercando notizie di morte e successiva sepoltura del mio bisnonno, Tenente Colonnello Aumiller Roberto, comandante del 60° reg. fanteria Brig. Calabria dal 21 maggio al 9 luglio 1917 .
    Purtroppo non conosco nient’altro. Le poche notizie che ho sono i dati che ho riportato qui sopra.
    Ringrazio anticipatamente per qualsiasi notizia riuscirete a farmi avere.
    Elena

  7. Marco Carellario says:

    Vi sarei grato, se siete a conoscenza, farmi sapere se i soldati italiani morti il nove maggio 1917 nei pressi di Salonicco siano stati sepolti in un cimitero greco o se siano stati traslati altrove. In particolare cerco notizie di mio nonno sold. Marco Carellario morto in tale data e considerato milite ignoto.
    In attesa distinti saluti.
    Marco Carellario

  8. Daniela Fazzi says:

    Buongiorno, cerco di aiutare un’amica a trovare la sepoltura del bisnonno e del di lui fratello, entrambi caduti nel 1917, a pochi giorni di distanza.

    1) ROSSI Amedeo di Angelo, nato a Burano il 12/4/1891 e morto il 25/8/1917 nel Monte Semmer. (dati ricavati dalla trascrizione dell’atto di morte che non riporta né le cause di morte né il luogo di sepoltura).

    2) ROSSI Augusto di Angelo, nato a Burano il 10/8/1893 e deceduto il 19/8/1917 “nella Quota 126 per ferita all’addome causata da una scheggia di granata” ; nessuna indicazione sul luogo di sepoltura.
    Grazie per quanto potrà fare.
    Complimenti per il blog.

  9. cesare ravaglia says:

    Buonasera,

    mi può confermare che una salma sepolta nel cimitero di S. Giovanna d’Arco, indicata nell’elenco inserito nel sito) si trova ora nel sacrario di Castel Dante a sud di Rovereto?

    Grazie!!

    Cesare Ravaglia.

  10. ANDREA SARTORATO says:

    BUONGIORNO
    STO CERCANDO IL LUOGO DI SEPOLTURA DI PIZZIOLO ULDERICO GIUSEPPE DI OLIVO CLASSE 1895 NATO A ZERO BRANCO (TREVISO) CADUTO NEL 1915,NON RISULTA NELL’ ELENCO DEI MILITARI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE MA E’ PRESENTE NEL MONUMENTO AI CADUTI DEL SUO PAESE SCANDOLARA DI ZERO BRANCO TREVISO
    RIUSCITE A DARMI NOTIZIE
    GRAZIE

  11. Paola Fornasari says:

    Buongiorno, io sto cercando il luogo di sepoltura del mio bisnonno
    GHELFI CESARE DI FLORIANO
    soldato appartenente alla 46^compagnia presidiaria
    nato a Poggio Renatico l’11 Giugno 1880,
    morto a Lonate per malattia in data 16 settembre 1918.
    Questi sono gli unici dati di cui sono in possesso, in quanto lo trovo iscritto nell’albo d’oro alla pagina 369.
    E’ possibile sia stato tumulato presso il Sacrario di Redipuglia?
    Spero mi possiate aiutare, era uno dei desideri della mia nonna poter sapere dove era seppellito il suo papà, dato che è morto che lei aveva due anni.
    Grazie mille
    Paola Fornasari

    • Silvia says:

      Salve…
      Anche in questo caso deve recuperare l’atto di morte, procedura fondamentale…
      Così avrebbe indicazioni su quale Lonate è….
      Cordialmente
      Silvia

      • Paola Fornasari says:

        Grazie mille, ho provato anche a guardare nell’elenco delle sepolture del Ministero, ma non ho trovato nulla, secondo lei posso richiedere il certificato di morte al Comune di residenza oppure mi conviene rivolgermi presso il suo Comune di nascita, dove è presente anche il cippo che lo ricorda?
        Grazie per il preziosissimo lavoro che state facendo, siete veramente in gamba.

        • Silvia says:

          Grazie dei complimenti…
          Conviene partire dal Comune di residenza al momento della morte, se diverso da quello di nascita…
          Mi raccomando, non l’estratto dell’atto di morte ma la copia integrale!
          Mi faccia sapere gli sviluppi!
          Cordialmente
          Silvia

          • Paola Fornasari says:

            Grazie mille, mi rivolgerò al Comune di competenza, avevo provato a mandarlo a quello di nascita, dato che era presente il suo nome nel cippo funerario del paese.
            Ho poi scoperto questa mattina che è menzionato anche in quello del suo paese di residenza, di cui ho sia la foto, sia il riscontro dell’elenco dei nominativi, quindi richiederò il certificato a loro.
            Non mancherò di farle sapere gli sviluppi della vicenda… Grazie ancora per la solerzia e per le preziose informazioni.
            Paola

            • Paola says:

              Buongiorno, grazie ai vostri suggerimenti ho effettuato ancora ricerche e finalmente conosco il luogo di sepoltura del bisnonno, è tumulato al Sacrario Militare Vantiniano di Brescia. Grazie ancora a voi della collaborazione e dei suggerimenti.

    • gianni says:

      gentile signora Fornasari, credo sia improbabile che Ghelfi Cesare sia sepolto a Redipuglia: qui riposano i Caduti morti sul fronte del Carso, più o meno dalla zona dl Vippacco ( a sud di Gorizia) fino alla zona dell’Ermada e Duino. Il Caduto in questione, appartenente ad una Compagnia Presidiaria e non a reparto combattente, è morto a Lonate (quale Lonate? Lonate Pozzolo?) ben all’interno del paese; secondo me è probabile che sia stato sepolto nel cimitero della località in questione.

      • Paola Fornasari says:

        Purtroppo il certificato di morte, redatto a mano dall’ufficiale di anagrafe… è controverso… e la scrittura a mano recita Lonate e basta…indagherò ancora, grazie mille delle precisazioni!

  12. Edoardo Mentasti says:

    Buongiorno chiedo se è possibile sapere dove è sepolto un prozio di mia moglie :
    Cporale maggiore
    Lugano Agostino
    nato a Garlasco (Pavia) il 29 settembre 1889
    Morto il 30 maggio 1916
    62° Rgt Fanteria Brigata Sicilia
    Grazie infinite.
    Edoardo Mentasti

    • Giacomo says:

      Salve! Un mio lontano parente, faceva parte dello stesso reggimento! Ha fatto tutta la guerra.. Può essere che si siano conosciuti!

  13. Gianfranco Trombetta says:

    Sto cercando un mio prozio Croce Giuseppe di Antonio nato a Subiaco il 7 luglio 1892 morto il 19 marzo 1916 sul Costoncino Col di Lana caporale 60 reggimento fanteria. L’ho cercato a Pocol e Pian de Salesei ma non c’è… forse è tra gli ignoti? Come posso approfondire la ricerca? Grazie Gianfranco Trombetta

  14. Stefano Schiaffini says:

    Buongiorno,

    ho cercato nell’elenco dei cimiteri militari, quello di Salonicco, ma non lo trovo da nessuna parte e tantomeno l’elenco dei sepolti. Un mio prozio è morto in Macedonia a Bulkova Druma, preso dal foglio matricolare, l’ho cercato in tutti i cimiteri del Vostro sito, ma non l’ho trovato, il suo nome è Sold. BELLONI PAOLO nato il 06/08/1890 e morto il 12/09/1916 – 61° Reggimento Fanteria.
    Se avete qualche notizia, Vi ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti.
    Stefano Schiaffini

    • admin says:

      Buongiorno Stefano…
      Con piacere la informo che il suo prozio, Belloni Paolo, è sepolto nel Cimitero Militare di Salonicco, tomba n.2471.
      I dati sia di nascita che di morte corrispondono.
      Cordialmente
      Silvia

      • Stefano Schiaffini says:

        Buonasera Sig.ra Silvia

        Mi ha dato veramente una bella notizia!!!
        Non so come ringraziarla per il Suo impegno e la Sua cortesia, grazie a Lei finalmente so dove è sepolto il mio prozio, anche mia mamma sarà felicissima di saperlo.

        Infiniti ringraziamenti e cordiali saluti

        Stefano Schiaffini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *