SACRARI/CIMITERI in Veneto, Trentino e…

3 Aprile 2013
Tutti i diritti riservati: è vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti (compresi files in pdf) del sito senza l’autorizzazione esplicita del proprietario

di Musi Silvia

In questa sezione analizzerò i Sacrari Militari posizionati all’interno di grandi Cimiteri Comunali, con la ricostruzione dell’elenco dei militari sepolti. Nella maggior parte dei casi gli elenchi sono stati desunti dai vecchi registri cimiteriali: data “l’età” di tali registri, c’è la possibilità talvolta che qualche nominativo non sia stato trascritto in modo corretto.

Consiglio sempre di verificare un nominativo (qualora fosse presente negli elenchi), presso il Comune specifico (atto di morte) e successivamente all’ufficio preposto del Ministero della Difesa-Onorcaduti, in modo di avere certezza della sepoltura.

Questi elenchi rappresentano un primo aiuto ed un primo passo nel trovare la sepoltura di un militare…

Cimiteri in Veneto:

  • Sacrario Militare PIAN di SALESEI
  • Sacrario Militare FAGARÈ
  • Sacrario Militare S.MARIA AUSILIATRICE
  • Cimitero di ARSIERO
  • Sacrario Militare di SCHIO
  • Cimitero di VERONA

 

Cimiteri in Trentino:

Cimitero Comunale di TRENTO
Sacrario Militare CASTELDANTE
(prossimamente)

 

Sacrario Militare PIAN di SALESEI (Belluno)

Il Sacrario militare Pian di Salesei, costruito nel 1938, si trova nel Comune di Livinallongo (Belluno) e raccoglie le spoglie di 685 militari italiani noti e 19 militari dell’esercito austro-ungarico. Ci sono anche le salme di 4700 militari ignoti, i cui resti risposano nella chiesetta all’interno del Sacrario. Il Sacrario raccoglie le salme traslate dagli ex-Cimiteri della zona Col di Lana e Marmolada. Da vari documenti ho estrapolato una breve lista degli ex-cimiteri militari o zone di combattimento, in cui erano stati inzialmente sepolti i militari, poi, alla chiusura di questi piccoli cimiteri, traslati nel Sacrario:

  • Ex-Cimitero militare di Pian di Salesei (dove ora sorge il Sacrario)
  • Ex-Cimitero militare a 300 metri da Pian di Salesei
  • Cimitero di Agai (frazione di Livinallongo)
  • Cimitero di Palla (frazione di Livinallongo)
  • Cimitero della località Franza (Livinallongo)
  • Cimitero in prossimità dell’abitato di Col d’Ornella (frazione di Livinallongo)
  • Cimitero posto presso le case di Davedino (frazione di Livinallongo)
  • Cimitero civile di Pieve di Livinallongo
  • Ex-Cimitero militare di Corvara (Val Badia)
  • Ex-Cimitero militare di St.Ulrich (Ortisei)
  • Ex-Cimitero militare Selva di Gardena
  • Ex-Cimitero militare Stern (a Villa Stern, Val Badia)
  • Cimiterino posto in località Rocche di Ciampei presso Passo Padon
  • Ex-Cimitero militare Alpenrose (pendici nord-est del Monte Sief, villaggio militare di Valiate)
  • Ex-Cimitero Militare Gottres (nome corretto Gotres, nell’omonima valle, vicino alla forcella Lerosa)
  • Ex-Cimitero militare Valparola (vicino a Passo Valparola, sulla strada per S.Cassiano. Sembra che fossero 2 i cimiteri)
  • Ex-Cimitero militare Col di Roda (pendici del Monte Sief)
  • Ex-Cimitero militare del Lagazuoi
  • Ex-Cimitero militare del Col di Lana (zona Cappello di Napoleone)
  • Ex-Cimitero militare di Andraz (ai piedi della Chiesa di Andraz)
  • Ex-Cimitero Militare di Castello (ai piedi del Castello di Andraz)
  • Cimitero Austriaco posto presso Ruaz
  • Cimiterino Austriaco posto al Passo di Campolongo
  • Altre salme furono inoltre recuperate in località dove non vi era un cimitero

Nell’elenco dei sepolti nel Sacrario sono indicate varie fonti che sono state messe a confronto: spesso si trovano discrepanze nei cognomi, nelle date di morte, o nei luoghi di morte, ma l’insieme permette di avere un quadro quasi completo dei militari ivi sepolti. Da ultimo, ecco un breve elenco delle strutture ospedaliere o di ricovero di queste zone:

  • Ospedaletto da campo n.58 (periodo Ottobre-Dicembre 1915): Pian di Salesei-Digonera
  • Ospedaletto da campo n.122 (periodo Dicembre 1915): Digonera
  • Ospedaletto da campo n.61 (periodo Maggio-Settembre 1916): Andraz
  • 11° Sezione di Sanità (in attesa di informazioni)
  • 18° Sezione di Sanità (in attesa di informazioni)

Il seguente elenco contiene tutti i nominativi del Sacrario tratto dai nomi sulle lapidi, confrontati con i dati di Onorcaduti e l’Albo d’Oro Ministeriale; in rosso sono segnalate le discrepanze nei dati, mentre le caselle in giallo sono i militari che combatterono con l’esercito Austro-Ungarico:

Elenco sepolti Sacrario Pian di Salesei

 

L’ultimo appunto storico inerente all’elenco: in corrispodenza dei dati dell’Albo Ministeriale di alcuni caduti, compare la dicitura “morto in prigionia” e nell’ultima colonna, come luogo di morte, compare Corvara o “S.Ulrico”. Questo perchè sia Corvara che St.Ulrich erano territori austro-ungarici, per cui i militari italiani erano di fatto prigionieri di guerra. Ho trovato un interessante documento, del Comitato di Assistenza ai prigionieri di guerra italiani,  riguardante il militare reggiano Ferretti Gaetano, datato 5 Ottobre 1921:

Al M.Rev. parroco di Campagnola Emilia
Incaricati dal Comitato promotore, ci onoriamo inviare alla S.V. la fotografia del cimitero ai soldati italiani morti in prigionia di guerra a Sant’Ulrico (Val Gardena).
Il cimitero, eretto per volontà della colonia villeggiante a S.Ulrico nelle stagioni 1920-1921 e inaugurato e benedetto solennemente il 22 agosto 1921, raccoglie la salma del soldato FERRETTI Gaetano, classe 1884…

Questo cimitero, posizionato a fianco del cimitero cittadino, fu chiuso negli anni successivi, e le salme dei militari italiani traslate al Sacrario Pian di Salesei. Ecco l’articolo di giornale datato 1922, in cui viene riportata la cerimonia di inaugurazione del suddetto cimitero militare: Ex Cimitero militare Ortisei“[…] Di fianco al Cimitero di St.Ulrich v’ha un breve quadrato di terra, sparso di croci, meta di pellegrinaggio della numerosa colonia villeggiante. Vi sono sepolti 26 soldati italiani, morti lassù, fra lagrime ignorate, prigionieri di guerra del 1915-1918. Il piccolo Cimitero, tanto caro agli italiani che si trovano a villeggiare in St.Ulrich, dopo essere stato riordinato ed abbellito, venne inaugurato e benedetto l’anno scorso dal Cappellano Militare D.Baldi la mattina del 21 Agosto, dopo un solenne ufficio celebrato dal Rev.mo Parroco coll’assistenza del clero locale in quella elegante Chiesa parrocchiale”.

Fonte foto e articolo: Settimanale “Pro Familia-Milano”, anno 1922, n.27. Ringrazio tanto il Signor Moroder Albert di Ortisei per la ricerca e disponibilità.

Ex-cimitero militare Corvara sitoFoto dell’ex-Cimitero Militare di Corvara. Collezione Pedratscher Alex, San Cassiano in Badia (BZ), che ringrazio per la concessione. Vietata la riproduzione.

Desidero qui ringraziare Danilo Morell, per la preziosissima collaborazione storico-geografica delle zone del Col di Lana, Mario Moser per il suo immancabile aiuto, Pedratscher Alex per le foto e le informazioni su Corvara, il parroco di Corvara Peratoner Andreas per la ricerca negli archivi parrocchiali, il Comune di Livinallongo per la cortesia e disponibilità (in particolare Deltedesco Luca) e l’amico Gianni Mandelli per la sua precisione e per il fondamentale aiuto nella trascrizione e ricerca dei caduti del Sacrario di Salesei.

Sacrario Militare FAGARÈ (Treviso)

fagareFacciata del Sacrario Militare Fagarè

Il Sacrario Militare Fagarè, chiamato anche Fagarè della Battaglia, venne costruito nel 1933 e si trova nel Comune di San Biagio di Callalta (Treviso); il Sacrario raccoglie le spoglie di 5.191 militari italiani noti, 5.350 ignoti, 1 militare dell’esercito Americano e 1 militare dell’esercito Austro-Ungarico.

Grazie ad un meticoloso lavoro di trascrizione da parte di volontari, e al lavoro del ricercatore Giovanni Chiarini (che ha integrato con ulteriori dati confrontando i nomi originali con l’Albo d’Oro Ministeriale dei caduti), posso qui inserire l’elenco dei militari ivi sepolti. Questo lavoro è fondamentale come primo passo per aiutare tante persone che ancora oggi cercano la sepoltura di un proprio parente:

sepolti-sacrario-fagare

fagare1

Ringrazio Giovanni Chiarini e tutti coloro che hanno contribuito a questo lavoro di ricerca…per non dimenticare!

Sacrario S.MARIA AUSILIATRICE (Treviso)

Facciata Sacrario sitoFacciata dell’entrata del Tempio. Grazie ad Enrico-Floriandimai per avermi fatto la foto

L’8 Dicembre 1925 a Treviso venne posata la prima pietra per la costruzione del Tempio-Ossario S.Maria Ausiliatrice, accanto alla Chiesa, dedicato ai caduti della Prima Guerra Mondiale; questo Tempio fu fortemente voluto da tutta la popolazione trevigiana sin dal 17 aprile 1917. I padri francescani di S.Antonio, custodi del Tempio, misero a disposizione del Commissario del Governo per le Onoranze ai caduti, la cripta del tempio stesso, per la raccolta delle salme dei militari. “Nel pomeriggio di domenica 8 dicembre 1929, con un cielo grigio e piovoso, 946 salme di eroi dalle fosse del cimitero comunale maggiore vennero portate dalla cittadinanza trevigiana al magnifico tempio votivo di Maria Ausiliatrice […]“.

Cerimonia 1929[…] Alla funzione sono intervenute le autorità ecclesiastiche, civili e militari, le rappresentanze dei mutilati […] Nel centro della Chiesa si ergeva la statua bronzea di Maria Ausiliatrice, opera dello scultore Antonio Gentilin […] Sul pavimento, davanti all’altare, era stata deposta una cassetta contenente le spoglie mortali di un caduto, scelta tra le mille giacenti attorno al coro monastico. Erano i resti del cappellano militare Giuseppe Monaco da Messina, frate francescano ucciso a Castelfranco da una bomba nemica nel Gennaio del 1918 […]

Fonte testo: Monumento Ossario dei Caduti in Guerra nel Tempio Votivo di Maria Ausiliatrice di Treviso, Tipografia Editrice Trevigiana, 1931.

L’elenco dei caduti, qui di seguito, è il frutto della paziente trascrizione dei nomi che sono presenti sulle lapidi all’interno del Tempio: questi stessi nomi sono poi stati messi a confronto con varie fonti, tra cui l’Albo Ministeriale, Onorcaduti e il libro sopracitato (l’elenco presente nel libro fu concesso dal gen. Faracovi, commissario del Governo dei caduti in guerra):

 Sepolti Sacrario S.Maria Ausiliatrice

Ringrazio Gianni Mandelli per l’aiuto nella trascrizione dell’elenco e nel confronto con altre fonti. Qui di seguito la ricerca di Franco Minoia su due ufficiali caduti e sepolti nel Sacrario:

Ricerca Franco Minoia Bressan-Dessaules

Per approfondire la ricerca, consiglio di leggere l’interessante libro di Franco Luigi Minoia “L’assalto al Col Basson“, Lampi di Stampa, 2015

DSC_2960Le salme dei caduti nel Cimitero di Treviso, prima della traslazione al Tempio

Cimitero di ARSIERO (Vicenza)

Panoramica Cimitero ArsieroPanoramica del Cimitero militare di Arsiero. Foto L.B.

Attiguo al Cimitero Comunale di Arsiero vi è un campo militare, con 1.106 caduti della Prima Guerra Mondiale: al centro del campo c’è un monumento-ossario con i resti di 403 italiani e 726 austriaci ignoti. Il resto del campo contiene le salme, contrassegnate con lapidi singole, di 1106 militari provenienti dagli ex cimiteri militari o civili di Arsiero, Bracafora di Pedemonte, Casotto, Forni, Fusine, Malo ed una parte delle salme dai cimiteri di Marano Vicentino, Pedescala, Posina, Piovene, Sandrigo, San Pietro Val D’Astico e Tonezza del Cimone. Il Cimitero è dedicato alla Medaglia d’Oro Pietro Marocco (asp.ufficiale 159° regg.Fanteria), morto il 22/10/1915 in Val d’Astico.

Grazie ad una ricerca e trascrizione dell’amico L.B. e la collaborazione del Comune di Arsiero, abbiamo ricostruito l’ elenco dei militari ivi sepolti:

Sepolti Cimitero di Arsiero

Foto Arsiero sitoEntrata del reparto militare del Cimitero di Arsiero. A sinistra una lapide di un caduto. Foto L.B.

Sacrario Militare di SCHIO (Vicenza)

Sacrario Schio-panoramica1Da Marzo a Ottobre 1925 il Municipio di Schio, il Comitato Cittadino, la X Compagnia Lavoratori del Comitato Cure e Onoranze alle Salme dei Caduti in guerra ed il Cappellano Don Michele Massa, organizzarono il trasporto delle salme dall’ex-cimitero militare di Schio al nuovo Sacrario, sorto a fianco della Chiesa S.S. Trinità. Il Sacrario venne ufficilamente inaugurato il 4 Novembre 1925. Negli anni successivi poi vennero raccolte altre salme da Cimiteri vicini. Il Sacrario raccoglie 5013 salme tolte dai Cimiteri di guerra o civili di Schio, Arzignano, Chiampo, Fusine, Malo, Montecchio Maggiore, Novale, Poleo, Posina, Rocchette, Sandrigo, Valdagno e parte di Vicenza.

Le informazioni sul Sacrario e gran parte dell’elenco dei caduti di seguito, sono tratte dal libretto di Giuseppe De Mori “Chiostro Ossario dei caduti di guerra alla S.S. Trinità di Schio“, Ditta Paolo Marzari-Schio, 1930.

Un breve elenco di strutture sanitarie militari presenti sul territorio di Schio:

  • Ospedale da campo n.063 a Schio (periodo 1917 – Luglio 1918)
  • Ospedale da campo n.0102 a Schio (periodo 1917)
  • Ospedale da campo n.0103 a Schio (periodo Marzo-Aprile 1918)
  • Ospedale da campo n.0109 a Magrè (periodo 1917)
  • Ospedale Militare Territoriale a Schio (Istituto Salesiano)

 Sepolti Sacrario Schio

Ex-Cimitero Militare Schio sitoDesidero ancora una volta ringraziare Gianni Mandelli, per il suo prezioso aiuto nella trascrizione dei nomi del Sacrario: la nostra collaborazione ha portato alla paziente trascrizione di più di 4.000 nomi, con relativo grado militare. Ringrazio anche L.B. per il suo grande aiuto nella ricerca di informazioni sul Sacrario e sull’elenco dei caduti.

Cimitero di VERONA

Entrata Cimitero VeronaAll’interno del Cimitero Monumentale di Verona vi è il Sacrario Militare dei caduti della Prima Guerra Mondiale: vi sono le spoglie di 3.925 militari (3.909 noti e 16 ignoti). Nell’elenco seguente, da me creato trascrivendo i nomi dalle lapidi, troverete nomi e cognomi e grado dei militari:

Sepolti Cimitero Verona

Lapidi Verona

Cimitero Comunale di TRENTO

All’interno del Cimitero di Trento, si trova l’Ossario in cui riposano le spoglie di soldati Italiani e Austriaci; le salme furono qui trasportate nei vari anni del dopoguerra, esumate da ex-cimiteri militari o altri cimiteri civili come Paneveggio, Cles, Borgo Valsugana, Trento, Vigo, Pian dei Casoni, Canazei, ecc…

Ricerca di Mario Moser e Terranova Giovanni

All’interno dell’elenco vi sono alcuni caduti Trentini dell’Esercito Austriaco, che dovrebbero trovarsi nel vicino cimitero a loro dedicato, ma si trovano all’interno dell’Ossario; un’altra parte riposa invece in una fossa comune del vicino Cimitero Austriaco.

I nomi, cognomi, reggimenti e date di morte sono stati desunti dal registro cartaceo delle sepolture, conservato negli Uffici funerari Comune di Trento (vicino all’entrata del Cimitero)

Dell’elenco dei sepolti bisogna tener presente:

  • Sono evidenziati in giallo i soldati Trentini combattenti con l’esercito Austriaco con dati certi
  • Sono evidenziati in arancione i possibili soldati Trentini combattenti con l’esercito Austriaco, di cui ancora non si hanno dati certi
  • Sono evidenziati in blu i soldati che sono stati sepolti con cognome o nome errati o che sono in corso di verifica per discordanza di dati con l’Albo d’Oro Ministeriale dei Caduti
  • Sono evidenziati in giallo/rosso tre nomi di donne
  • Infine l’ultima colonna “Paese di nascita/distretto militare”: i luoghi inseriti non provengono dal registro di sepoltura, ma dall’Albo Ministeriale oppure dal database di Onorcaduti

Col tempo cercherò di inserire, per quanto possibile, anche la provenienza di ciascun soldato, in modo che la ricerca del proprio avo possa risultare più semplice:

Sepolti Cimitero-Ossario di TRENTO

 

Un grazie infinite a Mario per aver compilato questo elenco, frutto del suo volontariato…

 

190 thoughts on “SACRARI/CIMITERI in Veneto, Trentino e…

  1. Francesco Esposito says:

    Salve genilmente qualcuno potrebbe aiutarmi a scoprire almeno dove potrebbe in teoria essere seppellito il fratello del mio bisnonno il quale non ha mai fatto mai più ritorno a casa sua dalla grande Guerra … Non si sa nemmeno dove sia deceduto… unici riferimenti che abbiamo sono questi:

    Nominativo (e paternità): MARZULLO VINCENZO DI MICHELE
    Albo d’Oro: Campania II – (Vol VI) (5)
    Province: AV – BN – CE
    Pagina: 409
    Sub in Pagina: 14
    Comune nascita: Acerra
    Comune nascita Attuale: Acerra
    Data nascita: 22 Gennaio 1898
    Grado: Guardia
    Reparto: 14 Battaglione R. Guardia Di Finanza Mobilitato
    Distretto: Distretto Militare Di Nola
    Morto o Disperso: Morto
    Data Morte: 8 Settembre 1918
    Luogo Morte: 146 Reparto Someggiato Di Sanità
    Causa Morte: Malattia

    • Silvia says:

      Salve…
      Le consiglio innanzi tutto di richiedere al comune di residenza l’atto di morte…darà senz’altro maggiori informazioni sulla morte del suo avo…A quella data il 146° reparto someggiato doveva trovarsi a Klisura…
      Sul sito Onorcaduti risulterebbe un Marzullo Vincenzo sepolto al Sacrario Caduti d’Oltremare di Bari. Provi a contattarli se hanno maggiori informazioni e per verificare se si tratti di lui…
      Saluti
      Silvia

  2. Vasco says:

    Buongiorno.
    Ringrazio tantissimo per le informazioni che avete inserito in questo sito web , dopo aver ricevuto le informazioni da onor caduti e trovato il sacrario dove riposa, ora posso lasciare un fiore sulla tomba del mio prozio.

  3. Patrizia says:

    Salve,
    ho richiesto ed ottenuto il foglio matricolare del mio prozio Luciano Perigli nato a Roma il 14/9/1892 da Pietro e Augusto Rubianesi e dal quale leggo “disperso nel fatto d’armi di Monte Belmonte il 31/5/1916” e poi “rilasciata dichiarazione di irreperibilità il 4/5/1918”. C’è la possibilità di trovarlo in qualche modo oppure mi devo accontentare del solo foglio matricolare? Sarebbe possibile recuperare una sua foto da qualche atto o certificato relativi al suo arruolamento?
    Grazie in anticipo.
    Patrizia

    • Silvia says:

      Salve…
      Foto la vedo difficile purtroppo…provi a sentire anche nel Comune di residenza del suo prozio, se hanno quadri dedicati ai caduti e reduci dela Comune…talvolta i comuni facevano commissionare questi quadri fotografici in ricordo dei propri caduti…
      Per avere conferme definitive sulla sepoltura dovrà invece scrivere ad Onorcaduti specificando che è un parente….

  4. Gianfranco says:

    Complimenti vivissimi per l’opera compiuta che avrà richiesto grandissima tenacia.
    Cerco notizie del luogo di sepoltura del soldato Brossa Carlo di Guglielmo,
    9°reggimento artiglieria da fortezza, nato il 17/07/1899 a Villanova d’Asti e caduto sul Monte Grappa per ferite riportate in combattimento l’11/10/1918.

  5. Francesco Napolitano says:

    Buongiorno e grazie infinite per la vostra dedizione. E’ un lavoro immane ma preziosissimo… Da alcuni anni ho raccolto il testimone di mio nonno Antonio Di Terlizzi, uno dei reduci di Caporetto, che fino al termine dei suoi giorni mi ha raccontato delle innumerevoli ricerche nei confronti di suo cognato (fratello della moglie), Tenente di Complemento Michele Lelario, Medaglia d’argento al V.M., “disperso nell’ottobre 1917 in combattimento nel ripiegamento al Piave” (testo riportato nell’Albo d’Oro). Apparteneva al 247° Reggimento Fanteria. Potreste suggerirmi dei percorsi di ricerca? oppure la dicitura “disperso” fa perdere ogni speranza in tal senso? Sarebbe un onore immenso poterne riportare i resti nella sua terra, a San Ferdinando di Puglia, dove è citato quale militare più alto in grado (Capitano) caduto nella Grande Guerra. Vi ringrazio fin d’ora. Francesco Napolitano

    • Silvia says:

      Buonasera…
      Purtroppo la dicitura “disperso” non promette nulla di buono, ma non bisogna disperare…
      Provi innanzi tutto a cercare in Comune se mai fu comunicato l’atto di morte…Poi potrà scrivere ad Onorcaduti in quanto parente….
      Cordialmente
      Silvia

  6. Tiziana says:

    Buongiorno, prima di tutto complimenti per il suo lavoro, che per noi parenti è veramente preziosissimo.
    Cerco notizie su mio bisnonno, Serra Giuseppe di Francesco, nato a Samassi (CA). La ricerca sull’Albo D’Oro, anche se me lo ha fatto ritrovare ( lo abbiamo sempre creduto disperso ), ha recentemente generato ancora più confusione, perchè i dati dell’albo e della scheda non combaciano, né per date di nascita e morte, né per luogo di morte, nè per numero di reggimento.
    Nell’Albo risulta nato il 27.2.1883 e morto sull’altipiano di Bainsizza per ferite il 24.10.1917, reggimento fanteria 152° ( la “Sassari” )
    Nella scheda risulta invece nato il 6.4.1885 e morto ad Asolo il 17.9.1918, per infortunio di guerra, reggimento fanteria 263°.
    Ho scritto al suo comune di nascita per avere notizie dall’atto di morte, ma ho poca fiducia, vista questa confusione. Tra due mesi andrò in Veneto e mi piacerebbe portargli un fiore. La ringrazio anticipatamente.

    • Silvia says:

      Salve…
      Non so se i dati siano contrastanti, dipende dalla paternità: sull’albo c’è un Serra Giuseppe figlio di Francesco nato a Samassi il 06/04/1885. L’altro è figlio di Sisinnio. Se il suo parente è figlio di Francesco allora è morto ad Asolo il 17/09/1918. E’ attualmente sepolto al Sacrario del Montello.
      L’atto di morte chiarirà ogni dubbio….
      Saluti
      Silvia

  7. Maria Loretta Giraldo says:

    Mi complimento per questo sito, bello e utile. Da anni cerco il luogo di sepoltura del fratello di mia nonna, di cui esistono questi due documenti. Il primo nei registri del Comune di sua residenza:
    “L’anno 1917 ( o forse 1916) del 9/6 in Val Romini mancava ai vivi alle ore venti, in età di anni venti, il soldato Meneghin Giovanni Battista, Decima Compagnia al n. 575 di matricola, nativo di Arzergrande, figlio di Pasquale e Baron Maria, celibe, morto in seguito a ferite d’arma da fuoco come risulta da verbale constatante la morte firmato dal sottotenente Pavani Pio, dal sergente Della Bionide Giuseppe e soldato Mozzato Luigi”.
    Il secondo, del Ministero della Difesa a risposta di una nostra richiesta di informazioni:
    Le accurate ricerche effettuate, intese a localizzare la sepoltura, non hanno avuto esito positivo, tuttavia i caduti presso Vallarsa furono traslati nel Sacrario Militare di Casteldante di Rovereto. E’ presumibile che si possa trovare tra gli Ignoti…
    C’è qualche cassettina con le spoglie di caduti prima sepolti in cimiteri di guerra e poi portati a Casteldante?
    Ringrazio di cuore per ogni informazione che mi possa aiutare.

  8. Ivo says:

    Grazie Silvia, per aver pubblicato i nominativi del Sacrario di Schio. Sotto il nominativo di Maggio Luigi sergente, dovrei aver “ritrovato” il mio concittadino, il sergente Luigi Macciò sepolto precedentemente a Posina. Non né ho la certezza assoluta, ma è molto probabile… L’unico Maggio Luigi presente sull’AO è un soldato deceduto dalle parti di Caporetto.

    • Silvia says:

      Ti confermo Ivo che si tratta del Macciò, poichè corpo appartenenza e data di morte corrispondono!
      Saluti
      Silvia

  9. Cristiano Ercolani says:

    Salve e i miei più sentiti complimenti per il sito e il lavoro che svolge; vorrei riuscire a trovare le spoglie di mio prozio, un pò per portargli quel calore familiare dopo così tanto tempo, visto che sono l’ultimo rimasto della famiglia e un pò per onorare mio padre che finchè in vita ha provato a cercare lo zio, senza successo.
    Il mio prozio si chiamava Ercolani Ulderico (di Leopoldo Ercolani), nato a Genzano di Roma il 9/6/1891 e morto per ferite riportate in combattimento il 01/11/1916 a Villanova, faceva parte del 142° Reggimento Fanteria, grado caporal-maggiore.
    Grazie in anticipo. Cristiano

    • Silvia says:

      Salve…
      Le consiglio di procurarsi in Comune l’atto di morte, almeo per capire con più precisione dove si trovi la località Villanova…

  10. olivetti katia says:

    Buongiorno signora,
    stiamo cercando il luogo di sepoltura di uno zio di mia mamma.
    Il caduto si chiamava Alaria Pietro di Giovanni Battista,nato a Cantoira il 10/11/1893 e morto il 19/8/1917.
    Sergente 41° reggimento fanteria.
    Da quanto ci risulta il luogo di morte è nel Carso a causa di ferite in combattimento.
    grazie
    distinti saluti

    • Silvia says:

      Salve…
      Provi a recuperare in Comune l’atto di morte….darà una indicazione più precisa di dove morì…

      • katia says:

        grazie della risposta Silvia.
        tra le vecchie foto di famiglia abbiamo trovato un documento con le seguenti informazioni:
        “Alaria pietro da Cantoira (torino),sergente 41° reggimento fanteria n° matricola 57645,coadiutore efficace del comandane di plotone,durante tutta l’azione fu di mirabile esempio ai dipendenti.
        Ferito una prima volta,continuò a combattere,finchè,una granata nemica lo colpì a morte.
        Vertojba Superiore 19/8/1917”.
        Potrebbe essere questo il luogo di sepoltura?
        saluti
        grazie

  11. iolanda ciccarelli says:

    buongiorno vorrei sapere dove è sepolto il prozio di mia madre, il suo nome era fagnani filippo di giuseppe nato a frascati il 27/05/1895 è morto il 02/11/1916 nella 16° sezione sanità ronchi faceva parte del 40° reparto mitraglieri con il grado di caporale vorrei avere informazione più dettagliate dato che mia nonna non cè più e mia madre non ricorda bene i fatti.. grazie.

    • Silvia says:

      Bonasera…
      Il Fagnani risulterebbe sepolto al Cimitero Verano di Roma, Sacrario Militare…probabilmente nel dopoguerra la salma rientrò vicino a casa…
      Cordialmente
      Silvia

  12. maria orlando russo says:

    Buongiorno,
    dopo tante ricerche, sono riuscita a sapere che il nonno della mia mamma, Russo Antonio 85 reggimento fanteria, è caduto in combattimento in Val d’Aosta. Località Petosam, il 14/08/1918. Potrei sapere dove si possono commemorare quei caduti?
    Grazie per la disponibilità
    Mariella Orlando

    • Silvia says:

      E’ sicura del luogo di morte?Da dove l’ha desunto?
      Mi deve inserire più dati anagrafici del caduto….

  13. patrizia lo grande says:

    Gentile Signora, siamo i nipoti di Vincenzo Biagioli, nato a Sassoferrato (Ancona) il 7/2/1896 e morto a Mirano Veneto il 2/8/1918, dopo ricovero nell’ospedaletto da campo n. 119, per infortunio per fatto di guerra. Lo zio apparteneva ai CC. RR. legione di Catanzaro. Da una ricerca all’Archivio di stato di Ancona, la causa della morte e’ – così e’ scritto – suicidio. Noi vorremmo onorare la sua memoria. Dove potrebbe essere sepolto? La ringraziamo della sua attenzione.

    • Silvia says:

      Buongiorno…
      Innanzi tutto c’è da dire che se l’effettiva causa di morte è questa, Vincenzo è tra i pochi riconosciuti come caduto in guerra, poichè chi moriva suicida non veniva considerato caduto di guerra, anche se è assurdo…
      Consiglierei di recuperare in Comune anche l’atto di morte, per ulteriore verifica; inoltre potrebbe esserci qualche info in più.
      Posso però dirle che Vincenzo riposa al Tempio Ossario di Udine, tomba n.8991.
      Saluti
      Silvia

  14. Silvia says:

    Salve…
    L’ospedale da campo, a quella data, si trovava a Russiz (GO). Al tempio ossario di Udine c’è sepolto un Bagnoli Pietro, morto all’ospedale da campo n.069, ma non corrisponde la data di morte (16/12/1915). Provi a telefonare al Sacrario per sentire se hanno ulteriori dati per un confronto…
    Cordialmente
    Silvia

  15. GIOVANNI RAMINELLI e VILMA FOLLA says:

    Gentile Signora Silvia, da qualche tempo io e mia moglie stiamo conducendo ricerche su un di lei prozio certo FOLLA GIUSEPPE figlio di Antonio) nato a Berra (Fe) il 3 settembre 1892, soldato del 1° Reggimento Artiglieria da fortezza, deceduto il 24 novembre 1918 nell’ospedale da campo n. 082 a San Martino di Lupari. E’ presumibile che i resti mortali siano in un famedio per i caduti in tale località? Grazie per quanto potrà dirmi al riguardo. E complimenti per i suoi interventi e per l’intero sito.

    • Silvia says:

      Salve…in teoria doveva essere stato traslato al Sacrario di Padova, ma, tra i noti, non risulterebbe…
      Sicuri che la salma non sia stata traslata a casa?In alternativa dovreste chiedere ad onorcaduti, dato che siete parenti…
      Cordialmente
      Silvia

  16. Giuseppa Cappello says:

    Sono Giusy sto cercando notizie ed il luogo dove si trovano i resti dello zio Randazzo Ignazio di Pasquale del 154′ regimento fanteria di palermo nato a palermo il 22gennaio 1893 e morto sul carso il 25maggio 1917 per ferite da combattimento. Anche se non abbiamo vissuto la guerra sino ad oggi ha lasciato delle ferite aperte ancora oggi. Grazie per l aiuto

  17. Paola Piccioni says:

    Buongiorno,
    sto cercando il luogo di sepoltura di mio zio Piccioni Antonio di Pietro nato a Castelnuovo di Porto (Rm) il 28 settembre del 1887. SCHEDA DEL CADUTO
    Nominativo (e paternità): PICCIONI ANTONIO DI PIETRO
    Albo d’Oro: Lazio e Sabina – (Vol I) (8)
    Province: RM – FR – VT
    Pagina: 441
    Sub in Pagina: 14
    Comune nascita: Castelnuovo di Porto
    Data nascita: 28 Settembre 1887
    Grado: Soldato
    Reparto: 82 Reggimento Fanteria
    Distretto: Distretto Militare Di Roma
    Morto o Disperso: morto
    Data Morte: 27 Agosto 1915
    Luogo Morte: Buchenstein
    Causa Morte: Ferite Riportate In Combattimento
    Decorazioni:
    Sepoltura:
    Note:
    Mostra pagina

    Mio padre è da molti anni che cerca suo zio , vorrei farlo felice e portarlo sul luogo di sepoltura.La ringrazio in anticipo .Grazie per il suo aiuto. Paola Piccioni

    • Silvia says:

      Salve…Antonio, dal luogo di morte (zona Col di Lana), dovrebbe essere stato portato al Sacrario Pocol, ma da una veloce verifica non l’ho trovato, a meno che non sia stato sepolto con un cognome o nome errato, dato che capitava spesso…
      Qui può cercare anche lei:
      http://www.frontedolomitico.it/Uomini/uomini.html
      Provi comunque a recuperare in comune l’atto di morte, per una verifica…
      Saluti
      Silvia

  18. Paolo M says:

    Salve, sono alla ricerca di mio bis nonno morto nel 1918. Dall’atto di morte rilasciato dal Comune di residenza risulta sepolto in località Val Piana – Valle S. Lorenzo ma non riesco a trovare questo paese. Può darsi che negli anni la località abbia cambiato nome ? Riesce a dirmi dove presumibilmente è sepolto ? Grazie mille, Paolo

        • Silvia says:

          Ok…
          Il suo bis-nonno riposa al Sacrario di Cima Grappa, tomba n.734 col nome De Santis Giovanni. Verifichi con una telefonata al Sacrario che sia proprio lui: in loco hanno registri con ulteriori dati…
          Saluti
          Silvia

  19. nicola says:

    Buongiorno…
    visto che mi siete stati di grandissimo aiuto qualche tempo fa quando ero alla ricerca del luogo di sepoltura del bisnonno Fabris Antonio… mi permetto di disturbarvi ancora una volta.
    Mi chiedevo come veniva avvisata la famiglia di un caduto in guerra durante il p primo conflitto mondiale: arrivava a mezzo posta, per mezzo delle forze dell’ordine o come ?
    ed eventualmente secondo voi è possibile recuperare tale notifica ?
    grazie ancora di cuore

    • Silvia says:

      Salve…
      Le comunicazioni arrivavano in modi vari…Compresa la comunicazione al sindaco della città di residenza (e talvolta nascita se diversa) o al parroco…
      Potrebbe verificare nell’archivio storico del comune….
      Saluti
      Silvia

  20. Nicoletta says:

    Buongiorno, cerco notizie riguardo al fratello di mio nonno, Potenza Giovanni nato a Villa Literno provincia di Caserta il 6 settembre 1895 soldato del reggimento numero 157 della fanteria, morto il 6 ottobre 1918 nell ospedaletto da campo numero 159 per malattia. Vorrei sapere dove era dislocato l ospedaletto e dove e sepolto . Grazie

    • Silvia says:

      Buongiorno..
      Il suo parente riposa al Sacrario di Schio, tomba n.2826, esumato dall’ex cimitero militare di Valdagno…
      Saluti
      Silvia

      • Nicoletta Potenza says:

        Grazie Silvia mi hai regalato una grande emozione. Ma ci sono anche oggetti appartenuti a questi ragazzi eroi che sono stati raccolti e in qualche modo visitabili ?

        • Silvia says:

          Mi fa piacere…
          Ci sono molti museo sparsi che conservano oggetti e altro sulla Prima Guerra Mondiale…
          Se digita su qualsiasi motore di ricerca ne trova molti…
          Alcuni anche all’interno di Sacrari, come Montello, Fagarè e Redipuglia…

          • Nicoletta says:

            Si via grazie e complimenti per il lavoro svolto….scusami se ti chiedo ancora notizie vorrei sapere se c’è’ qualche oggetto personale di Potenza Giovanni Villa literno 6/9/1895 m. 6/10/1918 …se è possibile sapere di che malattia è morto e tutto quanto interessi lui. Ti ringrazio e ammiro molto la tua disponibilità e capacità di ricostruire le vite di questi ragazzi morti per la patria.

            • Silvia says:

              Oggetto personale non credo…se non veniva restituito alla famiglia…
              Per sapere qualcosa in più prova a recuperare in Comune l’atto di morte: dovrebbe esserci scritto di quale malattia morì (dato il periodo è probabile sia spagnola)…
              Figurati, è un piacere…
              Silvia

  21. Rino Bal says:

    Buongiorno Silvia,intanto complimenti per il suo bellissimo sito e per i tanti argomenti trattati.Sono un appassionato della Grande Guerra e della sua storia e al momento sono alla ricerca del luogo di sepoltura dei Caduti della Valle d’Aosta.Le chiedo se per cortesia
    sa indicarmi dove posso trovare l’elenco dei Caduti tumulati nella Chiesa Gran Madre di Dio di Torino.Ciò perchè numerosi Caduti Valdostani risultano morti negli ospedali di Torino.
    La ringrazio tantissimo della risposta.Cordiali Saluti.

    • Silvia says:

      Salve…
      Che io sappia non è stato pubblicato nessun elenco di quel Sacrario….
      I registri delle sepolture dovrebbero essere il loco, ma chi c’è stato ha detto che il Sacrario è aperto ben poche volte…
      Mi mandi una mail, dovrei avere il telefono per contattare chi se ne occupa…
      Cordialmente
      Silvia

  22. Pamela Monaco says:

    Gentile sig.ra Silvia
    La ringrazio per il bellissimo ed utilissimo lavoro che ha svolto.
    Grazie alla pubblicazione degli elenchi dei cimiteri ( l’ultimo quello di Verona che attendevo da un po’) sono riuscita a sapere dove é sepolto il mio prozio.
    Mio padre non ci era riuscito. Sono felice di aver portato a termine quello che era un suo desiderio, diventato anche mio.

    Mi piacerebbe ripercorrere a ritroso il cammino che hanno fatto i miei zii morti in prima linea.Vorrei sapere dove sono stati feriti prima di morire perché entrambi sono morti in ospedale. Uno ad Udine, l’altro nell’ospedale di Verona. Di loro ho solo una foto seppiata e tre medaglie di cui una croce al merito. Ma non so chi dei due l’abbia ricevuta.
    So che a Bologna esiste l’Archivio dell’Ufficio notizie per le famiglie dei militari di terra e di mare della prima guerra mondiale (Via Farini 3), chissà che non riesca a trovare qualcosa lì…

    Sabato andrò ad Oslavia a ritirare la medaglia commemorativa che la regione Friuli Venezia Giulia ha offerto a tutti i parenti dei caduti della Grande Guerra.
    Grazie a lei ci andrò ancora più felice.
    Pamela

  23. Gianni says:

    Per cortesia spero mi possa aiutare nella ricerca del luogo di sepoltura del fratello di mio nonno. Si chiamava Pontisso Virginio e secondo l’albo d’oro è morto a Romano d’ Ezzelino per ferite in combattimento il 29/10/1918. Nel documento viene riportato come luogo di nascita S. Martino ai Tagliamento (PN) ma è sicuramente un errore perchè lui nasce a S.Martino di Codroipo (UD) il 15/06/1899 da Pontisso Andrea e Fabbro Rosa. La famiglia non ha mai saputo il luogo dove è stato sepolto. La ringrazio.

    • Silvia says:

      Salve…ho provato a verificare al Sacrario Montello, Fagarè e Grappa, ma apparentemente non risulta. Ma non è detto poichè basta che sia stato trascritto con cognome errato, oppure tra gli ignoti. Nel cimitero di Vicenza non ho potuto verificare perchè non ho l’elenco…
      Dovrà rivolgersi con una mail ad Onorcaduti, specificando che è un parente (con carta d’identità)…la tempistica è un pò lunga, ma rispondono sempre!

  24. Leonardo Giorgi says:

    Buongiorno Silvia, La disturbo ancora a proposito del prozio morto per valanga.
    Essendo morto all’ospedale militare di Verona, suppongo che sia stato anche sepolto li. Volevo chiederle se è a conoscenza dell’esistenza in Verona di un cimitero militare/sacrario, o comunque dove sia possibile individuare il luogo della sepoltura.
    Dall’atto di morte che ho rintracciato, non risulta alcun luogo diverso da Verona, ma non riesco a trovare se lì esista un cimitero militare.

    Cordiali saluti, Leonardo Giorgi

    • Silvia says:

      Salve…
      Sì, a Verona c’è il Sacrario Militare-Ossario, all’interno del Cimitero centrale…
      Sul sito c’è l’elenco, ma apparentemente il Giorgi Filippo non risulterebbe…a meno che non ci sia stato un errore di trascrizione del nome…
      E’ sicuro che la salma non fu portata a casa dalla famiglia?

      • Leonardo Giorgi says:

        Questa è una bella domanda, mio papà non mi ha mai detto se fosse stato traslato e nel paese in cui abitava, in provincia di Cremona, non c’è più nessuno della nostra famiglia, ormai siamo tutti Milanesi da decenni.
        Proverò a passare di li quando vado per cimiteri..
        Grazie per la risposta.

  25. ROSSET says:

    Buongiorno,
    Qualcuno potrebbe dirmi come potrei localizzare l’ospedaletto da campo numero 183 dove è morto (di malattia) il mio antenato ? Ho cercato ma …. lo zio di mio padre, era cavaliere nel regimento cavalleggeri Lodi. Se avete l’informazione, grazie di dirmi. Scusate per il mio italiano, sono francese… Saluti. Chantal

  26. Ivan Zuccherini says:

    salve, sto cercando il luogo si sepoltura di DEGLI ESPOSTI MAURO nato a Zola Predosa (Bo) il 27 aprile 1887, appartenente al 154° reggimento fanteria, deceduto per le ferite in battaglia sul monte Cengio il 3 giugno 1916, anche se il sito cadutigrandeguerra.it come data dice 7 agosto 1916. se potete aiutarmi a trovare notizie, ne sarei felice. grazie, saluti.

  27. margherita galeasso says:

    Buongiorno
    anche noi cerchiamo notizie del luogo di sepoltura del nostro bisnonno Dalla Rizza Valentino di Girolamo nato il 24 feb 1877 e caduto il 1 settembre 1918 nel campo n. 238 per malattia. Purtroppo la famiglia non ha mai avuto notizie sul luogo di sepoltura.
    Abbiamo provato a Redipuglia senza risultati.
    Grazie infinite

  28. Elisa Martinelli says:

    Salve, innanzi tutto un grazie per il grande lavoro che fate! Come tanti ho ilo mio bisnonno caduto in guerra, mio nonno lo ha cercato tutta la vita purtroppo senza risultati, dopo anni almeno una piccola notizia l’inserimento dell’albo dei caduti che riportaGROTTI DANTE DI ANNIBALE nato il 15 marzo 1883 a Foiano della chiana, morto il 18 novembre 1916 sul Carso per ferite riportate, vi sarei immensamente grata se foste in grado di aiutarmi nella ricerca, alla mail onorcaduti purtroppo nessuns risposta..
    Grazie in anticipo!! Elisa

      • Paolo M says:

        Salve, sto cercando informazioni sul mio bis nonno De Santis Giovanni Battista nato il 30 marzo 1899 a Sava e morto il 9 maggio 1918 per ferite riportate in combattimento alla 17 Sezione di Sanità. In famiglia si pensava fosse sepolto nel Sacrario di Redipuglia ma a seguito di una recente visita non ho rinvenuto il suo nome. Sto cercando informazioni sul luogo della sepoltura. Riesce a darmi qualche informazione utile? La ringrazio in anticipo. Paolo

        • Giuseppe Di Palma says:

          Salve, c’è De Santis Giovanni sepolto nell’ossario del monte Grappa morto il 09/05/1918 che essendo
          morto nella 17^ sezione di sanità è sicuramente il suo bis nonno.
          Saluti

  29. Elvira says:

    salve, sto cercando notizie circa la sepoltura di Cicciù Domenico di Filippo, nato il 6 giugno 1896 a Gallina Reggio Calabria, secondo l’albo d’oro soldato 146° reggimento fanteria distretto militare di Reggio Calabria, morto il 28 aprile 1917 nell’ospedale da guerra n.72 per malattia. Da alcune ricerche sembrerebbe che l’ospedale si trovasse a Galliera Veneta (PD) ma non ne sono sicura.

    • Silvia says:

      Salve…
      Risulterebbe effettivamente a Galliera Veneta…provi a sentire in cimitero, se risulti ancora sepolto lì o traslato al Sacrario Tempio della Pace di Padova…
      E’ sicura che non fu mai portato a casa?

      • Elvira says:

        grazie per l’informazione.. si sono sicura che non sia stato riportato a casa perché i fratelli hanno sempre cercato informazioni anche riguardanti la morte ma ai tempi con scarsi risultati..

  30. Matteo R. says:

    Buongiorno, sono davvero grato a voi per il gran lavoro che fate. Mi rivolgo anch’io a Voi perchè nonostante le molte e vane ricerche non sono mai riuscito a sapere dove potrebbe essere sepolto un mio bisnonno. Viviamo in Argentina e mio bisnonno era emigrato qui a Mendoza da Palazzolo Acreide (Siracusa). L’albo d’oro riporta questi dati: “SMRIGLIO SEBASTIANO Di Santo. Nato il 24 lugio 1896 a Palazzolo Acreide, distretto militare di Siracusa. Morto il 22 agosto 1917 in Val Sugana per ferite riportate in combattimento.” Al comune di Palazzolo purtroppo non compare nulla ne su atti di nascita, morte o uffici cimiteriali. Non compare proprio. Anche Onorcaduti non risponde purtroppo. Ho provato anche nelle altre varianti del cognome che nel tempo ho trovato qua e la (Smeriglio, Sbriglio, Sbiriglio). Non perderò mai la speranza di scoprire un giorno qualcosa. Grazie per quanto potrete fare.

    • Silvia says:

      Salve…

      Qualcosa ho trovato, ma è veramente strano, sicuramente occorrerà fare verifiche. Nel Cimitero di Trento, reparto militare, ho trovato un caduto che apparteneva al 6° Regg.Fanteria, morto il 22/08/1917 e proveniente dal cimitero di Borgo Valsugana. Come noterà i dati corrispondono esattamente a quelli di suo nonno, il problema è che il nome del caduto a cui corrispondono questi dati è: CIMO Giovanni. Completamente diverso da Smriglio Sebastiano.
      Può provare a contattare il cimitero di Trento, per sapere se hanno ulteriori informazioni e rimandare una mail ad onorcaduti, sia per sollecito, sia per fornigli questi ulteriori dati…
      Mi sappia dire
      Saluti
      Silvia

      • Matteo R. says:

        Grazie Silvia per le ulteriori notizie. Speriamo che un po’ alla volta, un po’ qua e un po’ la si riesca a ricostruire qualcosa. Ho ormai quasi la certezza che si trovi tra le migliaia di senza nome al santuario di Cima Grappa, o Bassano del Grappa. Le saprò dire in caso io riesca a reperire ulteriori notizie.
        Grazie ancora per il grande lavoro che continuate a fare.
        Matteo

      • Matteo R. says:

        Buongiorno Silvia,
        le scrivo per comunicarle che anche tramite i suoi consigli ed indizi, con questo blog e tramite mail, siamo riusciti a individuare il luogo di sepoltura. Onorcaduti ci ha inviato la scansione dell’atto di morte originale dove si legge che il Nonno è morto il 22 agosto 1917 a Villa di Valsugana per ferita dovuta ad una scheggia di granata, successivamente sepolto al cimitero di Ospedaletto (TN) da dove poi tutti i caduti noti e non noti sono stati spostati al sacrario di Trento.

  31. Stefano Della Noce says:

    Buongiorno
    Ringrazio fin da subito per il vostro splendido lavoro.
    Sono alla ricerca del luogo di sepoltura del mio bisnonno: Figini Paolo nato ad Affori(oggi quartiere di Milano) il 28 gennaio 1884 , caporale dell’11° fanteria ,Brigata “Casale” deceduto a Thiene il 27 dicembre 1917, a seguito di ferite riportate in combattimento presumibilmente nella zona di Monte Cengio. Negli anni 70 mia nonna ricevette una lettera dal ministero della difesa in cui si diceva fosse sepolto a Thiene, ci andammo (avevo 5 anni..) ma non trovammo nulla.
    Presumo che la salma sia stata spostata ad Asiago oppure ad Arsiero ma non trovo gli elenchi da nessuna parte. Potete aiutarmi? Grazie .
    Stefano

    • Silvia says:

      Salve…
      Un Figini Paolo risulta sepolto al Sacrario di Asiago…
      Può telefonare al Sacrario per avere conferme che si tratti di lui….
      Saluti
      Silvia

      • Stefano Della Noce says:

        Lo farò di sicuro.
        A nome mio,di mio padre e di mia nonna che non è più qui: grazie!
        Altro non saprei cosa dirle.

        Stefano

  32. Maria Schiena says:

    Brava e di animo nobile. Io sto facendo una ricerca sui Caduti della Mia Città e perdo ore e ore, Ma sono contenta di ricordare questi poveri ragazzi mandati al macello senza pietà

  33. Nicolò says:

    Salve. volevo sapere per conto della mia famiglia dove era sepolto il mio trisnonno, TOSON PASQUALE DI DOMENICO n° matr.9088 distretto di venezia Veneto I – (Vol XXVI) nato a Noale il 5 Luglio 1881, e morto l’ 11 dicembre 1917 sul monte grappa. Dall’ atto di morte e da ricerche effettuate, risulta che sia morto in zona monte Pizzo, ( cima schiarer- cima dei lebi, dai diari del 119 reggimento risulta questo) .Faceva parte della 7 compagnia.
    L’ atto di morte è registrato il 15 luglio 1918 alle 10.30
    Grazie anticipatamente da tutta la famiglia

    • Silvia says:

      Salve…
      Purtroppo apparenetemente il caduto non risulterebbe al Sacrario di Cima Grappa…L’unica è rivolgersi, per avere certezze, ad Onorcaduti

  34. Daniela Costantini says:

    Buonasera
    mi chiamo Costantini Daniela di Pesaro e per conto di mia mamma sto cercando di sapere dove è sepolto suo zio morto giovanissimo in guerra. Si tratta di Manna Mario di Pasquale nato a Candelara (PS) il 29/12/1898 deceduto in prigionia il 19/1/1918 a seguito ferite riportate in combattimento. Ho trovato il suo nominativo sulla pagina 344 del registro Caduti della regione Marche ma non sono riuscita a trovare altre informazioni. nato a CANDELARA (PS) il 29/12/1898
    deceduto in prigionia il 19/1/1918 a seguito ferite riportate in combattimento.
    Le sarei grata infinitamente se riuscisse a darmi una mano in questa ricerca. In internet ho scorso anche le liste dei militari italiani sepolti in cimiteri esteri senza trovarne traccia. Al Comune mi hanno detto che nel registro c’è una annotazione “LUSSEMBURGO” ma non sono stati in grado di dirmi che volesse dire.
    La saluto cordialmente
    Daniela

    • Silvia says:

      Salve…
      Le consiglio di procurarsi in Comune l’atto di morte…con quello avrebbe almeno indicazioni geografiche di dove morì…

  35. Benvenuti Franco says:

    Salve,
    Io cerco il mio Nonno, mio padre non l’ha mai conosciuto, in quanto quando nacque era già partito per la guerra, ed il mio babbo è morto con questo grande rammarico e sono convinto che per questo motivo non troverà pace dovuta.
    Benvenuti Vincenzo di Giocondo soldato 990°centuria lavoratori nato il 23/07/1877 a Gaiole in Chianti Si . Deceduto all’ospedale di Rovigo ( Psichiatrico ? ) per malattia in data 24/02/1919. Abbiamo notizie certe dello stato del nonno ( fisico e psichico) e dell’avvenuta sepoltura grazie ad una lettera inviata da una Suora alla sorella di Vincenzo. Dove raccontava la storia triste del nonno.
    Vi chiedo gentilmente di potermi aiutare, o di indicarmi la strada più appropriata da percorrere.
    vorrei esaudire il suo più grande desiderio – grazie infinite

    • Silvia says:

      Buongiorno…
      Suo nonno è effettivamente sepolto nel Cimitero di Rovigo, reparto ossario militare, tomba n.130. Per avere più info le consiglio di procurarsi due documenti: l’atto di morte in Comune, copia integrale, in cui potrebbe essere specificato il nome e tipo di ospedale…Il secondo documento è il foglio matricolare, che può richiedere all’archivio di stato di Siena…

      • franco benvenuti says:

        la ringrazio infinitamente, non le nego che sono visibilmente commosso. non potrò mai ringraziarla a sufficenza. porterò mio nipote di tre anni s conoscere il trisnonno .

    • Mario Andriotto says:

      Non so se ha già fatto delle ricerche… ma dal registro degli atti di morte del 1919 parte II serie B al numero 109 risulta che suo nonno è deceduto alle ore 14:40 del 24 febbraio presso l’ospedale “Cantonazzo”.

      Dalla mia collezione può vedere una foto dell’epoca con i padiglioni che ospitavano una caserma e l’ospedale da Campo 204:
      http://www.rovigodenavolta.it/wp-content/uploads/ospedale-psichiatrico-caserma-002.jpg

      Solo in seguito l’ospedale psichiatrico venne realizzato e inaugurato nel 1929.

  36. Laura Ferracioli says:

    Buongiorno Silvia, forse è già a conoscenza che a Rovigo, integrato al cimitero, c’è un Ossario Militare con 589 soldati del Regio Esercito e 215 austro ungarici. Non so dove e se esiste una lista consultabile dei caduti seppelliti lì. Purtroppo il Sacrario è quasi sempre chiuso. Nonostante si tratti di una struttura di un certo rilievo, non versa in buone condizioni e, almeno fino a pochi mesi fa alcune lapidi risultavano quasi illeggibili. Se per qualche ricerca potessi esserle utile può contattarmi, non abito distante da lì e posso attivarmi per chiedere il permesso di entrare e fare qualche foto ai nomi dei caduti.
    Mi sono sempre chiesta se i loro familiari sapevano che fossero sepolti lì. E anche tutti quei soldati stranieri stranieri, morti così lontano e probabilmente persi completamente dalle famiglie mi hanno sempre dato tanta tristezza.
    Mio nonno è stato ferito gravemente sul Pasubio ma è fra i fortunati che sono sopravvissuti, per questo sono qui a scrivere.
    Ecco, è tutto, tante congratulazioni per il suo lavoro e la sua dedizione.

    • Silvia says:

      Buongiorno Laura…
      Mi hanno messo a conoscenza tempo fa della situazione dell’ossario di Rovigo…So che se ne sta occupando il dott.Burato, non senza difficoltà..Mi ha dato l’elenco dei sepolti, per non perderne la memoria. La ringrazio della sua disponibilità e se non le crea disturbo e senza fretta, sarei contenta di avere la foto dell’unica donna sepolta tra i militari, una povera suora, che faceva servizio di infermiera…
      Ma temo sia una delle lapidi illeggibili…
      Si chiamava Vasoin Maria Giuseppina…Se trovasse la lapide e facesse una foto gliene sarei grata!
      Ma ripeto, senza disturbo…
      Grazie ancora, perchè sono le persone come lei che aiutano a far crescere il sito e rendere così accessibili informazioni e dati che possono aiutare tante persone…
      Silvia

      • Laura Ferracioli says:

        Mi fa piacere che abbia già l’elenco, pensare che hanno fatto tanta strada per finire qui… Farò volentieri un salto a cercare suor Giuseppina. Se è nel sacrario non credo ci sarà la sua foto, perchè se è fra i militari sulle lapidi ci sono solo nomi, date e provenienza, comunque posso fotografare la lapide, se la trovo. Nel caso l’ossario fosse ancora chiuso alle visite (l’avevano aperto il giorno dei morti ma prima era inagibile) mi informerò per chiedere il un permesso, magari tramite l’Archivio di Stato, sono molto gentili, non credo sia difficile. Le farò sapere.
        Devo avere qualche immagine scattata l’anno scorso al sacrario, se vuole gliela mando via mail, se c’è una mail di contatto, da qui non vedo il sistema.
        Grazie a lei!

  37. Lorenzo Riccardi says:

    Buongiorno, mi chiamo Lorenzo Riccardi e vorrei ringraziarvi per avermi fatto scoprire dove è sepolto il mio bisnonno morto in combattimento nel 1918. Era da tempo che cercavo di trovare il luogo di sepoltura, ma invano, sono stato anche a Redipuglia durante il servizio militare (nel lontano 1987) per trovarlo , ma non c’era. Ora grazie al vostro sito l’ho trovato, e ironia della sorte sta letteralmente a quattro passi da dove ho svolto il servizio militare: a Treviso nell’ossario di S. Maria Ausiliatrice, mentre io stavo alla caserma De Dominicis in via Lancieri di Novara.
    Non vi nego che è stato con commozione che ho letto il nome del mio avo (Mosè Riccardi) nell’elenco dell’ossario che avete redatto e ve ne sono grato ( ho anche una foto che spero di inviarvi).

  38. Giuseppe Viglialoro says:

    Gentile Silvia, buongiorno 🙂
    Dunque.. in diversi mesi di lavoro sono riuscito a recuperare molte informazioni sul mio bisnonno Sebastiano Viglialoro (246° Reggimento – Brigata Siracusa), morto in prigionia per ferite riportate in combattimento a Laibach (Lubiana) il 24 Novembre del 1917, presso l’Ospedale Militare di 3a Riserva ed, almeno inizialmente, sepolto nel vicino cimitero militare (come da Ruolo Matricolare ed Atto di Morte). Ultimamente però sono venuto in possesso del Foglio 3914 dell’Ufficio Notizie in cui viene testualmente citato “Morto il 24-11-17. Ospedale da Campo 206 Udine Elenco 286034” (Bologna 22-4-19). Ho appurato che l’Ospedale da Campo 206 era localizzato presso Santa Maria La Longa (UD). Vorrei chiedere il suo aiuto per capire il significato delle informazioni riportate sul Foglio Notizie e cosa pensa possa essere avvenuto ai poveri resti di Sebastiano (ho immaginato un trasferimento dal cimitero di Lubiana a Santa Maria La Longa e successivamente presso il Tempio Ossario di Udine).
    Cordialmente,
    Giuseppe Viglialoro

    • Silvia says:

      Buonasera…
      La situazione è piuttosto complicata…
      Sono sempre più propensa a dare atto agli atti di morte, essendo trascrizioni ufficiali, ma la certezza non esiste…
      Potrebbe anche essere che il foglio dell’ufficio notizie si sia basato su un iniziale ricovero nell’ospedale da campo, poi il Sebastiano fu fatto prigioniero…
      Ma sono tutte ipotesi. Il problema è che apparentemente non risulterebbe sepolto a Udine, tra i noti.
      Ma mai disperare…
      Le consiglio, con tutti i documenti in suo possesso, di scrivere ad onorcaduti…
      Una mail con la sua carta d’identità in quanto parente…
      L’attesa è lunga, ma loro le sapranno sicuramente dire se è sepolto a Lubiana, e far così chiarezza…
      Dall’elenco che ho io dei sepolti a Lubiana non risulta, ma l’elenco non è attendibile al 100%…
      Poi basta la trascrizione leggermente errata del cognome e già i problemi aumentano…
      Mi faccia sapere…
      Cordialmente
      Silvia

      • Giuseppe Viglialoro says:

        Anzitutto, grazie.
        Ho scritto ad Onorcaduti quattro mesi fa: ad oggi non ho ottenuto alcuna risposta.
        Ho telefonato a Lubiana, cercando in ogni modo tracce di Sebastiano con il cortese aiuto di una custode, senza successo. Mi sono comunque ripromesso di recarmi personalmente in Slovenia.
        Ho infine contattato telefonicamente anche il Tempio Sacrario di Udine, dove non ho riscontrato la stessa cortesia slovena: stesso risultato, tra i noti Sebastiano non risulta.
        Si.. Situazione complicata.. La chiave ritengo sia in quei numeri del Foglio dell’Ufficio Informazioni: ci lavorerò su.
        Grazie ancora.
        Giuseppe

  39. MATTIELLO F. says:

    Salve sono alla ricerca dei resti di mio nonno Mattiello Sebastiano nato a Teverola (CE) il 3-4-1884 deceduto il 25-10-1916 sul monte Mai(j)o nei pressi di Posina (Vicenza) appartenente all’ 85°REGGIMENTO FANTERIA 12° COMPAGNIA MATRICOLA 3425 DISTRETTO CASERTA. Ho verificato che in Veneto vi sono molto Sacrari militari e da quel che ho letto su internet ho potuto accertarmi che i caduti del comune di Posina sono sepolti presso quello di Schio (SS Trinità). A questo punto, cortesemente vi chiedo di verificare se il mio parente si trova li o in altro loco.

    Grazie per la disponibilità.

    • Silvia says:

      Salve…
      Apparentemente il nome del Mattiello non risulterebbe a Schio, a meno che non sia tra gli ignoti…
      Provi a recuperare l’atto di morte: dovrebbe dare indicazioni sulla prima sepoltura…
      Potrebbe essere anche a Vicenza o in altri sacrari…

  40. Mario Nesta says:

    Gent.ma Sig.a Silvia,
    mio nonno Nesta Pasquale, apparteneva al 150 regg.to fanteria. Venne ferito e ricoverato nell’osp. da campo 144 (Gorizia?), e mori il 16 maggio 1917. Non riesco a saper nulla di questo ospedale e dove sarebbe stato sepolto o quale altro iter è stato seguito.
    La ringrazio se mi potrà dare qualche indicazione in merito.
    Mario Nesta

    • Giuseppe Di Palma says:

      Salve Mario, suo nonno è sepolto ad Oslavia con il nome di Mesta Pasquale. Tutto il resto corrisponde.
      Tomba/loculo n. 10005. Saluti

  41. Giancarlo Pavin says:

    Buongiorno,
    sono il nipote di PAVIN GIOVANNI, nato a Conselve (PD) il 08-09-1899 e deceduto presso l’OSPEDALE DA CAMPO N° 151 il 07-12-1918.
    Non sono riuscito a individuare la località di questo Ospedale e conseguentemente il luogo di sepoltura.
    Sarei molto grato se potesse aiutarmi in questa ricerca per poter rendere omaggio alla Sua memoria.

    Grazie,
    Giancarlo Pavin

    • Silvia says:

      Salve…deve procurarsi l’atto di morte in comune per capire il luogo sia dell’ospedaletto, sia della prima sepoltura…
      Saluti
      Silvia

  42. Claudio Chiodi says:

    Buongiorno, sto cercando il luogo di sepoltura (se esiste) del fratello di mio nonno Chiodo Angiolo nato il 3 aprile 1980 a città di castello Perugia, morto il 18 novembre 1917 sul monte Monfenera per ferite riportate in battaglia. Sul registro di arruolamento non è dato per disperso e questo mi fa pensare che sia stato sepolto da qualche parte. Grazie per il suo aiuto.
    Claudio

      • Claudio says:

        Ciao, nel registro matricola e riportata questa dicitura: Morto in combattimento nella località Monfenera come da atto di morte iscritto al n° 41s ed a pag 3s del registro degli atti di morte del 3° reggimento bersaglieri.
        Insomma questo mi lascia pensare che un luogo di sepoltura ci deve essere d qualche parte. Sto aspettando anche l’atto di morte che ho richiesto al comune.
        Grazie

        • Silvia says:

          Salve…
          Ho subito verificato al Sacrario di Bassano, ma non risulta…
          Vedremo dopo l’atto di morte…

      • VERA VAN BOSCH says:

        Vi ho già contattata per ritrovare mio nonno senza trovarlo. Ho scritto a Palazzolo della Stella dove mio nonno abitava quando parti in guerra. Ho avuto qualche informazione.
        Si chiamava MAURO Antonio nato a Trieste il 12.2.1888 figlio di Stefano et Teresa Albina Roman Vals. Del 55° fanteria.
        Non sono sicura che sia lui, pero la famiglia proveniva di Palazzolo et l’atto di nascita e stato registrato. E solo lui a avere questo nome. E possibile trovarlo ?
        Grazie
        Vera.

        • Silvia says:

          Salve..
          Ho trovato un ipotetico fratello di Antonio, Mauro Mario, nato anche lui a Trieste (1890) e fece la prima visita di leva nel comune di Ronchis. Dovrebbe quindi provare a chiedere il Foglio Matricolare presso l’archivio di Stato di Udine, specificando tutti i dati anagrafici di Antonio. Ecco la mail:
          as-ud@beniculturali.it

          • VERA VAN BOSCH says:

            Buongiorno Sylvia,

            ho avuto altre notizie di Palazzolo dello stella per mio nonno. In fatto si chiamava bene
            MAURO Antonio nato a RONCHIS il 26.02.1884 figlio di Giobatta et Maria Cinello. Pero non
            hanno l’atto di morte. Mia mamma diceva che mori a 33 anni, dunque 1917. Non sappiamo dove
            e morto ni dove e sepolte. Come facciamo a saperlo ?
            SPERO NOTIZIE
            GRAZIE VERA

            • Silvia says:

              Come le ho già scritto nel commento precedente, deve richiedere il foglio matricolare all’archivio di stato di Udine. Dato che sull’albo caduti ufficiale non c’è nessun Mauro Antonio nato a Ronchis e figlio di Giobatta, il foglio matricolare potrebbe chiarire le cose….
              Se i dati che mi ha fornito sono quelli definitivi, ho trovato un fratello di Mauro, Giovanni, nato nel 1886, forse anche lui morto in guerra.

  43. alessandro maino says:

    Gentili Signori,
    sono alla ricerca di foto o scritti che documentino
    degli ospedali militari di Lugo di Vicenza nel 1916-18.
    Cordialità.
    sandro maino

  44. martina says:

    Gent.ma Silvia, da molto tempo ormai sto cercando il luogo di sepoltura del mio bisnonno GAMBARO ULDERICO (di Antonio e Pesce Maria Maddalena), nato 26 maggio 1890 a Noale VE, soldato 2° reggimento artiglieria da montagna, morto per malattia all’Ospedale Militare di Riserva il 14 settembre 1916, anni 26. Nei registri del Comune di Noale si trascrive in data 10 dicembre 1919 la copia autentica dell’atto di morte pervenuta dall’Ufficiale di Stato Civile del Comune di Vicenza, scritta in data 16 settembre 1916.
    Presso un sito della Difesa, ho trovato come luogo di sepoltura il Sacrario Militare di Vicenza, ma non esiste, o meglio, ne esistono tanti…Asiago, il Monte Grappa e altri di più piccoli…Lei riuscirebbe a darmi una mano? Ringraziandola fin d’ora, La saluto
    Martina

    • Silvia says:

      Salve…il caduto, Gambaro Ulderico, morì a Vicenza, per cui è molto probabile che sia rimasto sepolto lì…
      Con Sacrario militare si intende quello all’interno del cimitero civile di Vicenza…
      Per cui deve solo verificare in polizia mortuaria del comune di Vicenza e chiedere conferma della sepoltura…
      Dovrebbero avere i registri dei sepolti…

      • martina says:

        Grazie mille, nemmeno il ministero della difesa è stato così veloce e solerte….Un grazie di cuore!
        Martina

  45. MONICA PERLO says:

    Buonasera sono la pronipote di BOLLA ANGELO di Stefano del 73 reggimento Fanteria nato il 16 settembre 1883 a Stella (Savona) e morto il 22 novembre 1915 nell’ospedaletto da campo 230 per malattia. Per quanto sono riuscita a ricostruire tramite web dovrebbe essere morto a Cormons. I miei nonni e bisnonni non seppero mai dove fu sepolto e sarebbe bello per mia mamma, sua nipote, poter sapere prima di morire che siamo riusciti a trovare il luogo di sepoltura per portargli un fiore, come da desiderio sempre espresso dalla sua mamma. Sarei infinitamente grata a chiunque possa darmi qualche informazione. Grazie di cuore.

    • Silvia says:

      Buonasera…
      Sì, in effetti l’ospedaletto risulterebbe zona Cormons in quel periodo…
      Le consiglio di provare a telefonare ai Sacrari di Redipuglia e Oslavia…hanno in loco i registri dei sepolti…
      Inoltre recuperi l’atto di morte in Comune, per avere maggiori info…

      • MONICA PERLO says:

        Gent.ssima signora Silvia. La devo ringraziare profondamente per avermi dato questi suoi suggerimenti su Redipuglia e Oslavia. Come mi ha consigliato, ho chiamato Redipuglia ed un signore gentilissimo e preparatissimo mi ha fornito le informazioni che da 100 anni la mia famiglia cercava. Lo zio di mia mamma Bolla Angelo morto nell’ospedale da campo n.230 a Cormons con provenienza dal cimitero di Langoris, è sepolto ad Oslavia , tomba 172, 1° torrione.
        Che dire…. grazie forse è poco e non saprei come altro dimostrare la mia gratitudine se non spronandola ad andare avanti nell’aiutare persone come me che cercano di mettere un fiore dove altri avrebbero voluto piangere.
        I miei rispettosi saluti ed auguri di ogni bene. Monica Perlo

    • Giuseppe Di Palma says:

      Buongiorno Minica, il suo bisnonno è sepolto ad Oslavia. Tomba/loculo n. 172, nome torrione: Langoris.
      Saluti

  46. nicola dell'olio says:

    Gent.ma Silvia,
    Sono Nicola Dell’Olio di Canosa di Puglia (BT). Ho il desiderio di conoscere il luogo di sepoltura di mio zio deceduto durante la guerra. Saccinto Nicola di Biagio (Soldato 11° reggimento fanteria, nato il 31 luglio 1895 a Canosa di Puglia, distretto militare di Barletta, morto il 2 novembre 1915 nell’ospedaletto di campo n.11, per ferite riportate in combattimento). Mi può aiutare in qualche modo a sapere il luogo della sua sepoltura?
    La ringrazio in anticipo,
    Nicola Dell’Olio

    • Silvia says:

      Salve…recuperi prima di tutto l’atto di morte in comune…in base alla prima sepoltura si può pensare al sacrario in cui fu traslato…

    • Giuseppe Di Palma says:

      Salve.. Nicola,
      ho trovato il caduto Giacinti Nicola sepolto ad Oslavia, 11° fant. morto il 02/11/1915, tomba n. 7298 esumato dal cimitero
      di Quisca 453/C.E.

  47. Antonietta says:

    Gent.ma Silvia,
    Sono Antonietta di Margherita di Savoia (BT). Da sempre ho il desiderio di conoscere il luogo di sepoltura di mio nonno deceduto durante la guerra. Solo oggi, un conoscente mi ha dato una copia dell’elenco “Militari Caduti nella Guerra 1915 1918” trovando il suo nome. CAPACCHIONE Luciano di Antonio (Soldato 211° reggimento fanteria, nato il 14 aprile 1880 a Margherita di Savoia, distretto militare di Foggia, morto il 7 giugno 1917 nella conca di Plezzo, per ferite riportate in combattimento). Mi può aiutare in qualche modo a sapere il luogo della sua sepoltura?
    La ringrazio in anticipo,
    Antonietta CAPACCHIONE

    • Silvia says:

      Buonasera…
      Le consiglio innanazi tutto di procurarsi l’atto di morte in Comune….Dovrebbe dare indicazioni più precise sul luogo di morte e sulla prima sepoltura…
      Nel Sacrario di Caporetto vi è una lapide col nome Capacchioni Luciano Eugenio, morto il 07/06/1917…
      Dovrebbe essere lui, ma sempre meglio verificare

    • Giuseppe Di Palma says:

      Capacchioni Luciano Eugenio – Caporetto – tomba/loculo: 813 – fila/gradone: 24 – riquadro superiore – luogo della morte (o di esumazione): Plezzo – data di morte 07/06/1917 – 211° regg. fanteria

  48. Marina Giustini says:

    gentilissimi,
    Vi chiedo di aiutarmi a individuare la sepoltura di Pasquale Roselli morto il 30 giugno 1918 all’ospedale di guerra 39. Si tratta di quello di bastiglia (Modena) o altro? Dove potrebbe trovarsi la sepoltura?
    Grazie

    • Silvia says:

      Salve…
      Provi prima a procurarsi l’atto di morte in Comune…
      Dovrebbe dare una indicazione più precisa…
      A quella data doveva trovarsi a Scorzè…

    • Giuseppe Di Palma says:

      Buongiorno Marina, c’è il caduto Rosselli Pasqualle a Fagarè, 4° fanteria morto il 30/06/1918, tomba n. 4183 esumato dal cimitero civ. di Scorze. Saluti

  49. LAURA says:

    Buonasera,

    Sono alla ricerca del luogo di sepoltura del mio bisnonno morto a Ferrara , Emilia Romagna ( in un ospedale) il 05/11/1917 ( data di nascita: 07/10/1881) , Lei sa dove venivano sepolti?.

    il nome era : CHINCARINI BENIGNO DI BENIGNO soldato del 91° reggimento fanteria, distretto militare di Verona.

    Ho trovato il suo nome nell’Albo d’oro (vol. 28 – venetoIII-pag 167), ma non trovo il luogo della sepoltura purtroppo.
    La ringrazio.
    Laura

    • Silvia says:

      Salve…
      Provi a telefonare al Comune di Ferrara, servizi cimiteriali. Se la salma non fu mai traslata al paese natìo, è probabile che sia rimasto a Ferrara…

        • Gian Paolo Bertelli says:

          Salve,

          sto compilando l’elenco dei Caduti inumati nel Famedio di Ferrara,
          ho notato che molti cognomi sono stati riportati storpiati sulle lapidi,
          se non ha avuto notizie dai servizi cimiteriali me lo faccia sapere, proverò a controllare
          nel libro dei seppellimenti se compare il nome.

    • Giuseppe Di Palma says:

      Salve Laura, c’è nel famedio di Ferrara il caduto Chiucchierini Benigno 9° fant. nato il 1881 e morto a Ferrara
      il 07/11/1917. Dovrebbe essere il suo bisnonno. Saluti

  50. Gianmaria says:

    Gent.ma Silvia,
    come da Suo consiglio ho provveduto a richiedere certificato di morte del mio parente caduto e disperso.
    Fresia Emanuele Luca, nato il 15.09.1887, risulta deceduto a seguito di ferite e prigionia in data 28 maggio 1916 presso l’ospedale Maltese di Monte Rivel – Circondario di Borgo in Tirolo. Per caso è a conoscenza del luogo di possibile sepoltura?
    In ogni caso, grazie.

    • Silvia says:

      Gentile Signor Gianmaria…
      Non certamente uno dei più frequenti luoghi di morte….
      A questo punto scriva una mail a Onorcaduti….specifichi che è un parente e alleghi l’atto di morte alla mail con tutti i dati in suo possesso….
      Le sapranno dire qualcosa di preciso sicuramente….
      Mi tenga aggiornata sugli sviluppi…
      Cordialmente
      Silvia

  51. Gianluca says:

    Gent.ma sig.ra Silvia,
    Mi permetto di disturbarla per chiederle se ha notizie di sepolture austriache in provincia di Mantova dal momento che durante la guerra in zona c’era un importante campo di prigionia. Ho rinvenuto foto d’epoca di una tomba nel piccolo paese del campo; potrebbero esserci documenti in comune o è tutto di pertinenza militare? Ringrazio anticipatamente per l’attenzione, Gianluca.

    • Silvia says:

      Sinora nella zona Mantova no….
      Nel Sacrario militare di Mantova non ne ho trovati…però non ho verificato nel resto del Cimitero….
      Vi è scritto il nome su quella lapide???
      Sicuramente è di pertinenza militare, ma tracce ve ne dovrebbero essere anche in archivio storico a Mantova….

  52. Massimo Mannoni says:

    Ottimo e grande lavoro. Dalsito wwww cadutigrande guerra risulata che il fretello di mio nonno è, come abbiamo sempre sapiuto in famiglia, disperso e morto in combattimento nel primo giorno della battaglia del solstizio- 15 giugno 1918 sul Piave-
    Era del 202° Brigata Sesia. Le chiedo: Il 202° era quel giorno a Fagarè ? Posso sperare che il suo corpo sia tra i caduti non identificati del sacrario di Fagarè?

    grazie

    Massimo

  53. antonella menghi says:

    Sto cercando notizie sul luogo di sepoltura dello zio di mio padre, MENGHI LUIGI di Stefano (n. Sarsina FC 14.07.1893)
    Nell’Albo d’oro dei caduti della Grande Guerra si dice che apparteneva all’11° reggimento fanteria e morì nella 12a sezione di sanità per ferite riportate in combattimento il 20.07.1915. Dove si potrebbe trovare?

      • antonella menghi says:

        Gentilissima Signora,
        come da Lei indicatomi mi sono procurata il certificato di morte che recita
        “Il giorno VENTI del mese di LUGLIO dell’anno MILLENOVECENTOQUINDICI cessava di vivere in Comune di MASSA MENGHI LUIGI Figlio di Stefano e Casacci Sira Nato in Sarsina di anni VENTIDUE”.
        Dunque morì in comune di Massa, ma non è precisato quale Massa.
        Le sarò grata di ogni indicazione utile.

        • Silvia says:

          Salve…
          Ahimè, Massa potrebbe essere ovunque….
          Non è che per caso sia Mossa invece???Non dice sepolto in…
          Dovrà allora rivolgersi ad Onorcaduti…
          Saluti
          Silvia

  54. Toma Bernardino says:

    Buongiorno,
    sto cercando il luogo di sepoltura di mio zio Bonari Bernardo di Giovanni nato a Rancio Valcuvia (VA) il 4 dicembre 1897, del distretto militare di Varese, morto sul monte Asolone il 18 dicembre 1917.
    Grazie per il suo aiuto.

    Distinti saluti
    Toma Bernardino

    • admin says:

      Per procedere nella ricerca dovrebbe prima recuperare l’atto di morte nel Comune di residenza di suo zio…
      Ci sono indicazioni sulla prima sepoltura, un punto di partenza…
      Cordialmente
      Silvia

  55. Deliperi Costantino says:

    Vorrei conoscere il luogo di sepoltura di mio nonno, Domenico Deliperi, caduto nella Grande Guerra. Mio padre diceva che era seppellito nel sacrario di Re di Puglia ma nell’elenco non c’è. Grazie

  56. GIUSTO SILVANA says:

    Melito di Napoli, 28 luglio 2014
    Cerco tomba di un mio prozio: BARBARO GIUSEPPE, soldato primo reggimento alpini, distretto di Avellino, nato a Fontanarosa (Avellino) il 25 aprile 1898 e morto il 25 giugno 1917 sul Monte Ortigara per ferite riportate in combattimento. Mi farebbe piacere conoscere qualcosa in più su questo giovane militare della mia famiglia che ha dato la vita per l’Italia, per questo nostro paese che oggi lentamente sembra stia perdendo la sua identità faticosamente costruita in 8 secoli di storia. Grazie ! Silvana Giusto

    • admin says:

      Buongiorno Silvana…
      Ho fatto una prima verifica e risulta dal sito Onorcaduti che Barbaro Giuseppe effettivamente morì sull’Ortigara alla data segnalata, ma alla voce “sepoltura” risulta “Italia”…
      Quindi vuol dire tutto e niente…
      Lei è sicura che la salma del suo parente non sia “tornata a casa”?
      Le consiglio comunque di reperire l’atto di morte in Comune…lì dovrebbero esserci maggiori indicazioni sulla prima sepoltura…
      Mi faccia sapere..
      Cordialmente
      Silvia

      • GIUSTO SILVANA says:

        Melito di Napoli, 14 giugno 2015
        Solo oggi ho aperto questo sito e ho letto la sua risposta. Grazie per il consiglio. Per impegni di famiglia mi è stato impossibile continuare la ricerca. La saluto con viva cordialità.
        Silvana Giusto

      • GIUSTO SILVANA says:

        Melito di Napoli, 28 luglio 2015
        Sono riuscita ad avere solo il certificato di nascita ma non quello di morte del mio prozio Barbaro Giuseppe , soldato primo reggimento alpini, distretto di Avellino, nato a Fontanarosa (Avellino) il 25 aprile 1898 e morto il 25 giugno 1917 sul Monte Ortigara per ferite riportate in combattimento. Mi farebbe piacere sapere dove è sepolto. Mio padre mi raccontava che nella sua famiglia erano piccoli proprietari terrieri della Contrada Savia Ariella di Fontanarosa (Avellino) e che la notizia della tragica morte venne data dopo che essi avevano lavorato la terra per evitare che il lavoro dei campi venisse rallentato. Povero giovane uomo di soli 19 anni! Uno dei tanti che ha dato la vita per questa nostra Italia. Se solo si pensasse a quanto sangue e quanto dolore ci è costata questa nostra Patria e piange il cuore a vedere come è ridotta oggi… Mi farebbe piacere sapere almeno dove è stato sepolto. Nell’archivio comunale l’impiegata mi ha detto che non esiste il certificato di morte e che in quegli anni non sempre veniva comunicata la dipartita dei soldati al fronte.

        • Silvia says:

          Salve..
          Può essere che l’atto di morte non sia mai arrivato, ma possono esserci altre possibilità…
          Chieda in Comune se l’atto di morte l’hanno cercato proprio negli atti di morte o se si sono basati per la ricerca solo in una eventuale annotazione di morte a fianco dell’atto di nascita: in molti casi infatti (per i caduti della Prima Guerra Mondiale) a fianco di tale atto non vi è alcuna annotazione, ma l’atto di morte in archivio c’è (va cercato anche negli anni successivi alla morte). Può anche essere però che il caduto non fosse residente in quel Comune al momento della morte: difatti, nel libro dei caduti di Avellino e prov. non compare il Barbaro nell’elenco di Fontanarosa…Sa dove fosse residente?
          Cordialmente
          Silvia

  57. donatella says:

    Salve! Fin dalle scuole medie una professoressa ci esortò a “scegliere” la tomba di un soldato e a portare un fiore. Io scelsi AURELI ANGELO perchè di secondo nome anch’io mi chiamo Angela. Ora, grazie a siti come questo, ho scoperto che aveva 22 anni, era nato a Cascia e che morì a Modena dove è sepolto per le ferite riportate in combattimento e quindi lo sento ancora più vicino di prima.
    Grazie e complimenti per lo splendido lavoro fatto!!!!

  58. Marco says:

    Sto ricercando il luogo di sepoltura dei fratelli di mio nonno. Uno, Guidi Egisto, l’ho ritrovato a Redipuglia, l’altro, Guidi Francesco di Clemente, nato a Montecalvo inFoglia ( PU ) il 28 ottobre 1886 è morto il 3 luglio 1917 presso ospedale 040 non ho trovato ancora nulla. Dopo la morte dei suoi fratelli mio nonno, Guidi Terenzio, fu trasferito nelle retrovie.
    Qualcuno può aiutarmi? Sarà ancora possibile ritrovare qualche informazione della loro storia?
    Grazie….

    • admin says:

      Salve…
      Deve cominciare col recuperare il Foglio Matricolare (archivio di Stato della provincia di residenza del suo avo) e l’atto di morte nel comune di residenza (al momento della morte)…
      L’ospedale da campo n.040 nel tardo 1918 si trovava a Vicenza, ma non è detto che si trovasse nella stessa zona anche nel 1917…
      Se ha bisogno di altro sono qua…
      Cordialmente
      Silvia

      • loredana says:

        Buongiorno. Sono di Udine. Sto cercando inutilmente il luogo di sepoltura del fratello di mia nonna,SILVESTRI GIORGIO, nato il 25 dicembre 1892 a Reana del Rojale (UD), morto sotto una valanga in Val Degano il 2 aprile 1917. Ho provato con Onor Caduti,che non trovandolo sull’elenco ufficiale, mi hanno indirizzato ad un link… ma mi fermo all’indirizzo Google, non riesco ad andare avanti..

        • Silvia says:

          Buongiorno…
          Ho trovato un Silvestri Giorgio, nato a Reana del Roiale il 25/12/1887, morto il 02/02/1917 morto nell’ospedale da campo n.063. Il Silvestri riuslterebbe sepolto al Sacrario di Schio. Siccome i dati non corrispondono perfettamente e per evitare casi di omonimia, le consiglio di recuperare in Comune l’atto di morte, per verifica. Poi mi sappia dire.

          • loredana says:

            La ringrazio molto per la risposta. Sì, i dati sono del fratello di mia nonna ( era l’altro fratello,Sisto, morto sotto una valanga! )Ma l’ospedale da campo 063 dove si trova ? In che provincia o città ?Intanto mi recherò al Comune di Schio per accertamenti. Ancora la ringrazio e la saluto cordialmente. Loredana

  59. salvatore says:

    Salve ragazzi cerco un mio familiare morto nel 1916 che faceva parte del 3 reggimento artiglieria da campagna il suo nome è Campagnuolo Matteo di marco del 1884.potreste aiutarmi a sapere dove r.i.p?

    • Giuseppe Di Palma says:

      Salve Salvatore, il suo familiare è sepolto ad Oslavia – tomba/loculo n. 2897
      luogo della morte o di esumazione: Quisca 38/2/C.D
      Saluti

  60. roberto says:

    sto cercando dove è sepolto mio zio (zio di mia madre). ho questi riferimenti certi:
    Scheda anagrafica:

    caduto:71697
    nominativo:Papis Angelo di Luigi
    progressivo:27
    decorazione:decorato di una medaglia di bronzo al valor militare
    grado:soldato
    reparto 62° reggimento fanteria
    data di nascita:13 ottobre 1888
    luogo di nascita:Olgiate Comasco
    distretto:distretto militare di Como
    fine:morto
    data della fine:13 aprile 1916
    luogo della fine:in Val di Ledro
    causa della fine:per ferite riportate in combattimento
    volume:12
    pagina:649

    poi trovo invece dal Vs. sito un PAPAIS ANGELO (sepolto a Trento ossario) ma non è PAPIS ma PAPAIS (che sarà un errore di scrittura ed è davvero lì??)…. notizie diverse invece me lo davano a CASTEL DANTE (Col Dante) ma non ho modo di avere un elenco in internet.
    potreste aiutarmi? grazie

    • admin says:

      Salve…
      Il caduto sepolto a Trento non è suo zio….non corrisponde nè il reggimento, nè la data di morte, ed era della provincia di Belluno…
      Provi a telefonare al sacrario di Castel Dante di Rovereto…
      Hanno l’elenco dei sepolti, così potrà cercare suo zio…
      0464 432480

  61. Piero Migliaccio says:

    Mio nonno che io sappia è nato a Tiriolo(cz) il 21/06/1887 e muore in guerra (non si sa dove) il 22/11/1915;dalle ricerche da me effettuate sul vostro archivio ho trovato un MIGLIACCI Antonio di Tommaso nato a Tiriolo 21/06/1889 e morto il 22/11/1915;questo mi fa dedurre che sono la stessa persona però ci deve essere un errore nel cognome e nell’anno di nascita;,si può verificare il tutto? e poi e possibile sapere nell’eventualità di un riscontro positivo come fare per poter riavere le spoglie nel suo paese di origine?

    • admin says:

      Salve…Le ho risposto via mail…
      Comunque è molto probabile che sia lui…
      Anche l’albo caduti lo riporta come Migliacci…

      • Piero Migliaccio says:

        Dal recupero del foglio suo matricolare e dalla ricerca,da me effettuata c/o il comune di tiriolo risulta essere nato il 1887 stesso giorno e stesso mese che compare sulla lapide, risulta essere morto a Mantova alla casa sita via Vescovado ,14,(era l’ospedale militare?)che però non sono riuscito ad identificare nello stradario attuale di Mantova ,Comunque senza alcun dubbio è lui.Grazie per l’aiuto

  62. daniele farese says:

    sto cercando dove è sepolto il fratello di mio nonno. so che è morto nell’oaspedale da campo n. 142, ma non si dice dove sia stato sepolto. potete aiutarmi?

    • admin says:

      Non si possono fare ricerche senza avere almeno il nome, il luogo di nascita e la data di morte del soldato…

      • angelo labarile says:

        Buon giorno cara signora.
        Sto cercando di sapere dove e sepolto il nonno di mia madre.
        Scanniffio Fedele nato. 08. Luglio. 1887. Ad Altamura, Bari.
        Deceduto in Trentino il 14. Luglio.1916.
        Fanteria 219.
        La ringrazio se mi farebbe avere notizie, e la ringrazio comunque.
        Il mio indirizzo email. angelolabarile26@gmail.com
        Distinti saluti. Angelo Labarile

        • Silvia says:

          Buongiorno…
          Provi a procurarsi in comune l’atto di morte…come indicazione del luogo di morte “Trentino” è troppo generica….
          Saluti
          Silvia

  63. Mauro Testa says:

    Ho ritrovato il mio bis nonno Papà di Nona Maria. Premoli Emilio. Cimitero di Modena cippo 211. Sarà meta di una prossima gita. Nonna e sorelle orfane di guerra ne sarebbero commosse.
    Saluti, Bersaglier Mauro Testa 1972.

  64. dalila grassi says:

    Voglio ringraziare, chi si è preso cura di questi uomini,tanti quasi bambini e chi ha creato questo sito della memoria, perché solo nella memoria si può continuare a ricordare, a ricordare e non dimenticare mai!Io sono la bisnipote di GRASSI CARLO classe 1896,dopo aver combattuto in Austria e in malnutrizione, è stato colpito dalla famigerata “Spagnola”portato all’ospedale di Modena, dove ai genitori non solo non fu fatto vedere, ma vennero cacciati in malo modo.. e non hanno mai avuto notizie in seguito.Dopo molti anni, siamo riusciti a ritrovarlo, è nel Campo Militare Cippo n° 729.Ci stiamo organizzando per andare là.Grazie per la vostra presenza e il vostro lavoro, che fa capire quante belle persone ci sono ancora.

  65. assunta catullo says:

    Gent. ma Silvia, ho ricevuto la mail.
    Non osavo sperare di poter vedere la lapide che onora mio zio. L’ho sempre desiderato ed ora il sogno è divenuto realtà grazie a lei. Peccato che il nome non si legge più ma se il n° corrisponde non abbiamo dubbi. Vedo anche dei fiori gialli in foto. ci ha pensato lei?. Grazie per questo atto d’amore, le sono molto grata.
    La saluto con molto affetto e gratitudine,
    Assunta Catullo

    • admin says:

      Salve Signora Assunta…Sono stata la S.Cataldo a Modena e credo di aver individuato la tomba di suo zio Cesare, la numero 554…
      Le invio la foto che ho fatto della tomba….
      Mi dica se arriva la mail…
      La saluto!!!
      Silvia

  66. assunta catullo says:

    gent. ma Silvia, ho ricevuto oggi dal comune di Modena la notizia che mio zio Cesare é sepolto nel cimitero San Cataldo di Modena ma i suoi resti sono stati a suo tempo sversati nell’ossario comune dello stesso cimitero. E’ stato ricordato però con un cippo (n° 554) del campo caduti 1915/1918 sempre nel cimitero in San Cataldo. Contavo di riportare nel suo paese i suoi resti ma va bene anche così. Sapere che c’è una lapide per la sua memoria mi rende orgogliosa e felice. Grazie per quello che ha fatto per noi, Dio la benedica.
    la saluto con un forte abbraccio, assunta catullo

  67. assunta catullo says:

    GRAZIE PER LA SUA SQUISITA CORTESIA.
    ATTENDO NOTIZIE DA ONOR CADUTI E LA INFORMERO’. BUONA PASQUA CORDIALI SALUTI, ASSUNTA CATULLO

  68. assunta catullo says:

    Non osavo pensare a tanta disponibilità ed efficienza. Grazie. Ho richiesto notizie ad onor caduti e proverò a scrivere anche a Modena per sapere se mio zio può essere quello che voi avete trovato della lista nel cimitero di san Cataldo. Grazie per il pensiero di poter fare una foto alla sua lapide. Vi sono molto grata. Se così fosse anch’io, siccome dovrò andare a Padova in Aprile, passerò ad onorarlo. Di nuovo molte grazie. Cordiali saluti, Assunta Catullo

    • admin says:

      Salve Signora Assunta…
      Ho telefonato or ora al Cimitero di San Cataldo…Purtroppo anche loro nei registri hanno solo il nome e cognome (Caruso Cesare) e solo l’anno di morte, 1918. Non avendo dati più precisi per una verifica che non sia un omonimo, le consiglio di aspettare la risposta di onorcaduti….Una volta ottenuta, me lo comunichi….sicuramente farò un salto al San Cataldo per una foto alla lapide….
      Cordialmente
      Silvia

  69. assunta catullo says:

    Sono di Castel di Sangro (AQ). sono emozionata e stupita! Non immaginavo tanta passione e dedizione per i nostri cari ragazzi della GRANDE GUERRA purtroppo dimenticati. Io no! Ho da sempre negli occhi e nel cuore il dolore di mia nonna che ha perso il suo unico fratello a Modena il 28/11/1918. Morto come tanti con la terribile spagnola. Il suo nome è CARUSO CESARE nato il 24/01/1898. I dati che ho dal mio comune sono: Atto di morte del comune di Modena.Estratto parte II del Registro atti di morte demo 1918 n° 1397. Ho un debito d’onore con mia nonna Assunta che non ha mai potuto portare un fiore sulla tomba del fratello. Mi può aiutare a sapere se i morti di quell’anno per l’epidemia sono sepolti nella città o nei cimiteri militari? Se il nominativo è nei suoi elenchi può comunicarmelo? La ringrazio per quanto ha fatto per i nostri”RAGAZZI” che sono certa saranno ben felici di essere ricordati e per i loro cari che non li hanno dimenticati.
    Con gratitudine la saluto con un forte abbraccio,
    Assunta Catullo

    • admin says:

      Gentile Signora Assunta…
      grazie innanzitutto delle belle parole….
      Il nome di Caruso Cesare non è presente nei miei elenchi in quanto ancora non ho potuto fare ricerche e ricostruzione di elenchi dei sepolti a Modena…
      Le posso però dire che dal database di Onorcaduti risulta un Caruso Cesare, morto nel 1918, sepolto nel Cimitero Comunale San Cataldo di Modena….
      Credo si tratti di lui…(bisognerebbe però verificare che non sia un omonimo)…
      Nel caso riuscissi a passare da Modena, non mancherò di fare una foto della lapide di Caruso Cesare…
      Se vuole averne la certezza, potrebbe scrivere ad Onorcaduti….è l’ufficio che si occupa dei caduti di tutte le guerre….
      Ecco l’indirizzo internet che spiega tutto:
      http://www.difesa.it/Ministro/Commissariato_Generale_per_le_Onoranze_ai_Caduti_in_Guerra/Pagine/introDB_Caduti.aspx
      Se ha bisogno di altro mi contatti…
      A disposizione
      La saluto tanto
      Silvia

      • Dott. Paolo BULLITA says:

        Ottima iniziativa con lodevoli risultati che sono di conforto per tante persone che cercano notizie dei loro cari scomparsi nel baratro di quella guerra. Complimenti!
        Sto facendo una ricerca riguardante il caduto sottotenente Raffele Marras, studente universitario in Giurisprudenza a Cagliari (poi gli fu conferita la Laurea alla memoria e una Medaglia d’argento al V.M.).
        Risulta caduto il 15/6/1915 a Monte Col di Lana ma non risulta il luogo di sepoltura che alcuni mi dicono sia stato individuato al Sacrario Militare di Pocol. Purtroppo non sono riuscito ad accedere all’elenco dei sepolti in quel monumento; potete aiutarmi? Riuscite a farmi avere anche UNA FOTO DELLA LAPIDE? ovviamente citerò la fonte. Grazie di tutto, cordialmente.

        • Silvia says:

          Buongiorno…
          L’elenco del Sacrario Pocol lo può visionare qui:
          http://www.frontedolomitico.it/Uomini/caduti.html
          La cosa è strana poichè dal database di onorcaduti risulta un Marras Raffaele sepolto al Pocol, ma nell’elenco del Sacrario non vi è nessun Marras Raffaele: ipotizzando anche una errata trascrizione, ho fatto la ricerca sia come solo nome che come data di morte, ma nulla….le rispondo comunque anche via mail per altri dati sul Marras
          Cordialmente
          Silvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *