Famiglie distrutte: TRE o PIU’ figli caduti in guerra

11 Marzo 2013
Tutti i diritti riservati: è vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti (compresi files in pdf) e foto del sito senza l’autorizzazione esplicita del proprietario

di Musi Silvia

In questa “stanza” vorrei onorare, con questa mia ricerca, quelle famiglie che, nel corso della Grande Guerra, persero da 3 a più figli, caduti per la Patria…Questa pagina è un’altra testimonianza delle tante tragedie che provocò la guerra…

Ringrazio il giornalista Massimo Vitale e il colonnello Aquili per l’aiuto e le segnalazioni, e tutti coloro che hanno contribuito alla ricerca…
Ma soprattutto ringrazio di cuore Guido Corrias, Laura De Canale e Gian Luca Chiericati, per le numerose segnalazioni e l’aiuto fondamentale nelle ricerche…

Trovate ad oggi:

26 famiglie con quattro figli caduti in guerra
293 famiglie con tre figli caduti in guerra

Di seguito troverete l’elenco alfabetico delle Famiglie con dati completi, le foto e altre informazioni sui fratelli e le rispettive Famiglie, nei files in pdf (i seguenti files sono coperti da copyright, quindi è vietata la riproduzione):

Famiglie che persero quattro figli

Famiglie che persero tre figli A-C

Famiglie che persero tre figli D-M

Famiglie che persero tre figli N-Z

Suddivisione per regione delle famiglie; in giallo quei Comuni con più di una famiglia:

Abruzzo n.5

  • Famiglia Di Michele di Alanno
  • Famiglia Cacciatore di Farindola
  • Famiglia Di Cecco di Manoppello
  • Famiglia Capanna di Montereale
  • Famiglia Sciampa di Spoltore

Basilicata n.5

  • Famiglia Bochicchio di Acerenza
  • Famiglia Giura di Albano di Lucania
  • Famiglia Lovallo di Avigliano
  • Famiglia Camarchio di Maschito
  • Famiglia Mennonna di Muro Lucano

Calabria n.1

  • Famiglia Passafaro di Borgia

Campania n.8

  • Famiglia Montano di Acerra
  • Famiglia Ciampi di Fontanarosa
  • Famiglia De Simone di Formia
  • Famiglia Pescatore di Lacedonia
  • Famiglia Izzo di Meta
  • Famiglia Lombardi di Paduli
  • Famiglia De Pierro di Sant’Angelo a Cupolo
  • Famiglia Cortellessa di Tora e Piccilli

Emilia Romagna n.57

  • Famiglia Ferrari di Albinea
  • Famiglia Giampietri di Albinea
  • Famiglia Serrazanetti di Anzola
  • Famiglia Guernelli di Argelato
  • Famiglia Soverini di Bentivoglio
  • Famiglia Zanotti di Bentivoglio
  • Famiglia Bonaga di Bologna
  • Famiglia Roppa-Sassoli di Bologna
  • Famiglia Sacenti di Bologna
  • Famiglia Zucchi di Bondeno
  • Famiglia Brunetti di Brisighella
  • Famiglia Mainini di Campegine
  • Famiglia Malavasi di Carpi
  • Famiglia Zani di Casalecchio di Reno
  • Famiglia Gregori di Casina
  • Famiglia Bagarini di Casola Valsenio
  • Famiglia Dalpane di Castelguelfo
  • Famiglia Freddi di Castel del Rio
  • Famiglia Donati di Castel di Casio
  • Famiglia Martini di Castel San Pietro dell’Emilia
  • Famiglia Zoni di Castel San Pietro dell’Emilia
  • Famiglia Rabotti di Castelnovo né Monti
  • Famiglia Borgatti di Cento
  • Famiglia Amaducci di Cesena
  • Famiglia Totti di Conselice
  • Famiglia Borghi di Correggio
  • Famiglia Miselli di Correggio
  • Famiglia Zama di Faenza
  • Famiglia Zanfini di Fiumana
  • Famiglia Baldassari di Forlì
  • Famiglia Valpiani di Forlì
  • Famiglia Re di Gualtieri
  • Famiglia Bertelè di Guastalla
  • Famiglia Villa di Imola
  • Famiglia Prosperi di Loiano
  • Famiglia Torelli di Luzzara
  • Famiglia Bertani di Maranello
  • Famiglia Pini di Maranello
  • Famiglia Squarzoni di Marrara
  • Famiglia Stacchini di Mercatino Marecchia
  • Famiglia Marchetti di Minerbio
  • Famiglia Morandi di Modena
  • Famiglia Caramalli di Monghidoro
  • Famiglia Macchiavelli di Monghidoro
  • Famiglia Franchini di Montefiore Conca
  • Famiglia Dall’Aglio di Monteveglio
  • Famiglia Carboni di Parma
  • Famiglia Benni di Pianoro
  • Famiglia Bacchelli di Praduro e Sasso
  • Famiglia Gherardi di Quattro Castella
  • Famiglia Fontanili di Ramiseto
  • Famiglia Magnani di Reggio Emilia
  • Famiglia Cremonini di San Giovanni Persiceto
  • Famiglia Corazza di Sant’Agata Bolognese
  • Famiglia Prati di Villa Minozzo
  • Famiglia Campani di Vetto

Friuli Venezia Giulia n.9

  • Famiglia Verardo di Brugnera
  • Famiglia Commessatti di Dignano
  • Famiglia Lepore di Gemona
  • Famiglia Muzzulini di Magnano in Riviera
  • Famiglia Beltrame di Remanzacco
  • Famiglia Moreale di Remanzacco
  • Famiglia Chivilò di San Giorgio della Richinvelda
  • Famiglia D’Andrea di San Giorgio della Richinvelda
  • Famiglia Mitri di San Giorgio della Richinvelda

Irredenti n.1

  • Famiglia Filzi di Pisino

Lazio n.12

  • Famiglia Mancini di Bagnoregio
  • Famiglia Porcelli di Bassiano
  • Famiglia Romoli di Bassano in Teverina
  • Famiglia Belella di Bolsena
  • Famiglia Girotti di Cellere
  • Famiglia Coratti di Monte San Giovanni Campano
  • Famiglia Favoriti di Ferentino
  • Famiglia Fabi di Fiamignano
  • Famiglia Colantoni di Poli
  • Famiglia Sergio di Roma
  • Famiglia Pitorri di Torricella Sabina
  • Famiglia Annesi di Vignanello

Liguria n.8

  • Famiglia Salvo di Giusvalla
  • Famiglia Chiarlone di Piana Crixia
  • Famiglia Coda di Quarto dei Mille
  • Famiglia Giusto di Quiliano
  • Famiglia Isetta di Quiliano
  • Famiglia Canepa di Serra Riccò
  • Famiglia Ghiglino di Serra Riccò
  • Famiglia Palmero di Ventimiglia

Lombardia n.38

  • Famiglia Pozzi di Acquate
  • Famiglia Bulandi di Albino
  • Famiglia Coria di Albino
  • Famiglia Monolo di Arconate
  • Famiglia Carrara di Aviatico
  • Famiglia Piacentini di Azzano San Paolo
  • Famiglia Medici di Brignano Gera d’Adda
  • Famiglia Sbolzani di Casalmaggiore
  • Famiglia Fumagalli di Casatenovo
  • Famiglia Gioia di Castelleone
  • Famiglia Mingardi di Chiuro
  • Famiglia Frusconi di Cingia dè Botti
  • Famiglia Moro di Ciserano
  • Famiglia Cantù di Cornate d’Adda
  • Famiglia Voltolini di Cremona
  • Famiglia Colosio di Gargnano
  • Famiglia Stoppani di Grosotto
  • Famiglia Desiderati di Guidizzolo
  • Famiglia Bellotti di Magnacavallo
  • Famiglia Zaniboni di Magnacavallo
  • Famiglia Rossetti di Malagnino
  • Famiglia Ghilardi di Martinengo
  • Famiglia Trentini di Motteggiana
  • Famiglia Galimberti di Novate Milanese
  • Famiglia Brambilla di Oreno di Vimercate
  • Famiglia Magri di Osio di Sopra
  • Famiglia Calvi di Piazza Brembana
  • Famiglia Ottuzzi di Remedello Sotto
  • Famiglia De Brazzi di Romanengo
  • Famiglia Barelli di Rovenna di Cernobbio
  • Famiglia Cerfoglia di San Giacomo Filippo
  • Famiglia Chiesa di Sabbio Bergamasco
  • Famiglia Galbusera di Sabbioncello
  • Famiglia Zoli di Scannabue
  • Famiglia Longhi di Tromello
  • Famiglia Ferrandi di Truccazzano
  • Famiglia Prinster di Valle di Dentro
  • Famiglia Rasoli di Viadana

Marche n.17

  • Famiglia Beni di Apiro
  • Famiglia Latini di Arcevia
  • Famiglia Ottaviani di Cupramontana
  • Famiglia Dragoni di Esanatoglia
  • Famiglia Cipriani di Falerone
  • Famiglia Fiordoliva di Filottrano
  • Famiglia Rossini di Fossombrone
  • Famiglia Cosimi di Francavilla d’Ete
  • Famiglia Ciarrocchi di Massignano
  • Famiglia Trillini di Osimo
  • Famiglia Basili di Petriano
  • Famiglia Piccioni di Pieve Torina
  • Famiglia Gara di San Marcello
  • Famiglia Cancellieri di Sant’Angelo in Vado
  • Famiglia Venturini di Sassocorvaro
  • Famiglia Piattella di Serra San Quirico
  • Famiglia Duranti di Urbania

Molise n.5

  • Famiglia Di Chiro di Baranello
  • Famiglia De Sarno di Capua/Campobasso/Larino
  • Famiglia Pistilli di Campobasso
  • Famiglia Colaneri di Frosolone
  • Famiglia Galasso di San Giacomo degli Schiavoni

Piemonte n.16

  • Famiglia Aghemo di Bruino
  • Famiglia Binelli di Caresana
  • Famiglia Bernard di Cesana Tornese
  • Famiglia Cantore di Chiusa di San Michele
  • Famiglia Ramella-Trotta di Cossila
  • Famiglia Bonfatti di Craveggia
  • Famiglia Ferri di Cressa
  • Famiglia Viano di Fossano
  • Famiglia Gallo-Balma di Frassinetto
  • Famiglia Boaglio di Luserna San Giovanni
  • Famiglia Solera di Pinerolo
  • Famiglia Aghemo di Rivalta
  • Famiglia Dell’Olmo di San Nazzaro Sesia
  • Famiglia De Bernardi di Torino
  • Famiglia Forte di Villata
  • Famiglia Barone di Vogogna

Puglia n.7

  • Famiglia Stifani di Casarano
  • Famiglia Albanese di Lecce
  • Famiglia Briamo di Lecce
  • Famiglia Perulli di Lecce
  • Famiglia Catalano di Mola di Bari
  • Famiglia Menga di Monopoli
  • Famiglia Casulli di Putignano

Sardegna n.9

  • Famiglia Mette di Alà dei Sardi
  • Famiglia Sini di Banari
  • Famiglia Maccioni di Mogoro
  • Famiglia Costa di Sorgono
  • Famiglia Dessì di Terralba
  • Famiglia Spano di Tempio Pausania
  • Famiglia Curreli di Tiana
  • Famiglia Zinchiri di Villanova Monteleone
  • Famiglia Atzori di Zuri

Sicilia n.3

  • Famiglia Bisognano di Castroreale
  • Famiglia Taverna di Racalmuto
  • Famiglia Ciaccio di Sciacca

Toscana n.39

  • Famiglia Mariani di Bagni San Giuliano
  • Famiglia Barsellotti di Bagni di Lucca
  • Famiglia Martinelli di Bientina
  • Famiglia Fanciullacci di Calenzano
  • Famiglia Boddi di Capannoli
  • Famiglia Carloni di Capannoli
  • Famiglia Matteucci di Capannori
  • Famiglia Pacini di Capannori
  • Famiglia Menichelli di Carmignano
  • Famiglia Ciampi di Cascina
  • Famiglia Di Sacco di Cascina
  • Famiglia Porciatti di Castellina in Chianti
  • Famiglia Bardi di Castiglione d’Orcia
  • Famiglia Donati di Gavorrano
  • Famiglia Arzilli di Lari
  • Famiglia Mattioli di Lucca
  • Famiglia Tamburini di Montecatini Val di Cecina
  • Famiglia Santucci di Monteroni d’Arbia
  • Famiglia Santoli di Pietrasanta
  • Famiglia Del Papa di Pisa
  • Famiglia Signorini di Pisa
  • Famiglia Bruchi di Pomarance
  • Famiglia Monzecchi di Pontassieve
  • Famiglia Innocenti di Quarrata
  • Famiglia Ferri di Radicondoli
  • Famiglia Arnetoli di Reggello
  • Famiglia Meacci di Reggello
  • Famiglia Faccendi di Roccastrada
  • Famiglia Peruzzi di Roccastrada
  • Famiglia Pucci di San Giuliano Terme
  • Famiglia Latini di San Miniato
  • Famiglia Cioni di Santa Croce sull’Arno
  • Famiglia Baffetti di Santa Fiora/Castell’Azzara
  • Famiglia Boddi di Scarperia
  • Famiglia Bandini di Sinalunga
  • Famiglia Monaci di Sorano
  • Famiglia Pescioni di Vernio
  • Famiglia Pezzini di Viareggio
  • Famiglia Rosi di Volterra

Umbria n.2

  • Famiglia Piazzoli di Perugia
  • Famiglia Galanelli di San Vito in Monte

Valle d’Aosta n.4

  • Famiglia Clerin di Arnad
  • Famiglia Comminet di Hône
  • Famiglia Nouchy di Saint Marcel
  • Famiglia Paganoni di Villeneuve

Veneto n.73

  • Famiglia Strapazzon di Arsiè
  • Famiglia Chieregato di Badia Polesine
  • Famiglia Lancerin di Bassano
  • Famiglia Zanella di Bergantino
  • Famiglia Pavera di Boara Pisani
  • Famiglia Zenato di Boara Polesine
  • Famiglia Carli di Bolzano Vicentino
  • Famiglia Pandini di Brentino Belluno
  • Famiglia Candian di Campolongo Maggiore
  • Famiglia Negri di Carrara San Giorgio
  • Famiglia Businaro di Carrara Santo Stefano
  • Famiglia Biondi di Carrè
  • Famiglia Manzato di Cartura
  • Famiglia De Agostini di Cavarzere
  • Famiglia Sartorello di Cavarzere
  • Famiglia Carrer di Chiarano
  • Famiglia Dal Moro di Cison di Valmarino
  • Famiglia Pan di Cittadella
  • Famiglia Zorzo di Cittadella
  • Famiglia Donadon di Codognè
  • Famiglia De Marchi di Colle Umberto
  • Famiglia Arcolin di Correzzola
  • Famiglia Zanconato di Crespadoro
  • Famiglia Zordan di Crespadoro
  • Famiglia Magagnotti di Dolcè
  • Famiglia Pescante di Due Carrare
  • Famiglia Spinazè di Fontanelle
  • Famiglia Giuriolo di Grancona
  • Famiglia Marcato di Grantorto
  • Famiglia Camponogara di Grumolo delle Abbadesse
  • Famiglia Visentin di Lendinara
  • Famiglia Sponga di Limana
  • Famiglia Scavazzin di Lonigo
  • Famiglia Zordan di Loria
  • Famiglia Destro di Malo
  • Famiglia Prizzon di Mareno di Piave
  • Famiglia Friso di Maserà
  • Famiglia Pizzato di Mira
  • Famiglia Ballico di Monte di Malo
  • Famiglia Dal Cero di Montecchia di Crosara
  • Famiglia Bordignon di Mussolente
  • Famiglia Sanavia di Piove di Sacco
  • Famiglia Braggion di Ponso
  • Famiglia Pilla di Ponzano Veneto
  • Famiglia Rizzetto di Portogruaro
  • Famiglia Forcellini di Possagno
  • Famiglia Rizzo di Pozzonovo
  • Famiglia Corsini di Ronco all’Adige
  • Famiglia Pazzocco di Roverè Veronese
  • Famiglia Ramin di Saccolongo
  • Famiglia Mantovani di Salizzole
  • Famiglia Pellizzon di Salzano
  • Famiglia Lucchin di San Martino di Venezze
  • Famiglia Bandolin di San Michele al Tagliamento
  • Famiglia Cielo di Sandrigo
  • Famiglia Miraval di San Pietro di Feletto
  • Famiglia Sandrin di Santo Stino di Livenza
  • Famiglia Romanato di Saonara
  • Famiglia Nervo di Solagna
  • Famiglia Beggiato di Solesino
  • Famiglia Da Lio di Spinea
  • Famiglia Lovisari di Stienta
  • Famiglia Cortiana di Torrebelvicino
  • Famiglia Duregon di Trebaseleghe
  • Famiglia Marazzato di Trebaseleghe
  • Famiglia Campioni di Trecenta
  • Famiglia Schiocchet di Trichiana
  • Famiglia Giove di Venezia
  • Famiglia Perdoncin di Vicenza
  • Famiglia Zolin di Vicenza
  • Famiglia Contiero di Villa Bartolomea
  • Famiglia Polelli di Villanova Marchesana
  • Famiglia Meneghetti di Zero Branco

46 thoughts on “Famiglie distrutte: TRE o PIU’ figli caduti in guerra

  1. Valentino De Luca says:

    Oltremodo interessanti queste importanti sue ricerche con notizie e informazioni sulla Grande Guerra; Le sarei grato di conoscere un suo recapito per poterLe inviare in dono la mia pubblicazione “Stringiamoci a corte siam pronti alla morte l’Italia chiamò”. La Prima guerra mondiale nei monumenti e nelle epigrafi di Lecce. pubblicato nel 2015.

    • Silvia says:

      La ringrazio vivamente della squisita gentilezza…
      Le mando l’indirizzo via mail…
      Cordialmente
      Silvia

  2. Gino Basso says:

    Buongiorno, volevo portare a conoscenza che tra le famiglie che persero tre figli nella Grande Guerra c’era anche quella del mio bisnonno materno DAL SANTO GIUSEPPE.
    Egli sposò una vedova con tre figli i quali mantennero il cognome del padre ovvero RUI, di fatto però mia bisnonna perse tre figli e mio bisnonno due figli biologici ed uno accolto ed adottato come figlio proprio. Nell’albo d’oro dei caduti risulta anche un errore sul cognome di mio nonno materno il quale risulta come DEL SANTO SANTE DI GIUSEPPE in luogo di DAL SANTO SANTE DI GIUSEPPE il fratello è correttamente inserito con il nome di DAL SANTO ANTONIO DI GIUSEPPE ed il fratellastro si chiamava RUI LUIGI DI GIUSEPPE.
    Ringrazio per la cortese attenzione e rimango nella speranza che possiate aggiornare l’elenco delle famiglie che hanno dato tre figli alla patria inserendo anche quella del mio bisnonno.
    Cordiali saluti

  3. Francesco Quaglio says:

    Ciao Silvia
    sono Gambero di Cime e trincee. Come sai frequentiamo e ci incontriamo alle fiere numismatiche alla ricerca di fotografie. Oggi a Bologna ho trovato un intero album di una famiglia di Bologna smembrato. Fra le foto ve ne erano moltissime di 3 ufficiali: cavalleria, automobilisti e fanteria. Non vi erano i cognomi ma solo i nomi: zio Guido (sottotenente dei cavalleggeri di Saluzzo), zio Peppino, penso Giuseppe (automobilista) ed il terzo zio Giulio (fanteria). Del sottotenente Guido ho comprato 4 belle foto, su molte che c’erano, avendone già acquistata un’altra su e-bay (da altro venditore). La cosa mi ha incuriosito e fra le varie carte mi sono annotato alcuni indirizzi riportati sul retro di alcune foto cartolina. Uno di questi era Angela, mi sembra, Roppa-Sassoli via Saragozza Bologna. Ho preso l’annuario militare del 1915, ho cercato fra i nomi dei cavalleggeri di Saluzzo e fra gli ufficiali di complemento ho trovato il sottotenente Guido Roppa-Sassoli. Mi dispiace di non aver acquistato una foto degli altri 2 fratelli. Sull’albo d’oro dei caduti ho trovato:
    Roppa Sassoli Guido di Pompeo, decorato di medaglia di bronzo al valor militare. Tenente in servizio attivo deposito aeronautica, nato il 15 ottobre 1889 a Bologna, distretto militare di Bologna, morto il 21 marzo 1918 nel cielo di Roma per incidente di aviazione.
    Ogni tanto riusciamo a dare un nome ed un valore umano a semplici immagini
    un abbraccio
    Francesco

  4. Paola Stoppioni says:

    Buonasera Silvia
    Sono ancora Paola Stoppioni. Volevo segnalarle che nel comune di Reggello ci sono altri tre fratelli deceduti durante la Grande Guerra:
    1 MEACCI ANTONIO
    Nato a Reggello il 21.9.1892 da Gaspero e Falorni Giovanna.
    È morto il 9.6.1915 per ferita di arma da fuoco alla testa e sepolto a San Pietro d’Isonzo. Le sue spoglie furono poi traslate presso il Sacrario di Redipuglia
    2 MEACCI ERNESTO
    Nato a Reggello il 4.7.1900 da Gaspero e Falorni Giovanna.
    È morto il 1.11.1918 presso l’ospedale militare di Bologna per broncopolmonite ed è sepolto nel cimitero centrale della città, nel riquadro militare.
    Soldato del 6° Reggimento Bersaglieri.
    3 MEACCI GIUSEPPE
    Nato a Reggello il 21.03.1898 da Gaspero e Falorni Giovanna.
    Soldato del 154 Reggimento Fanteria 10^ Compagnia Matricola 19810.
    È morto il 19.7.1917 a Castagnevizza sul Carso per ferita alla testa per scheggia di granata
    Fu sepolto a Salcano (tomba 60/151). Le sue spoglie furono poi traslate presso il Sacrario di Redipuglia (loculo 9831 pagina registro 986, progressivo 14118).
    Grazie
    Paola Stoppioni

    • Silvia says:

      Grazie davvero Paola…
      Aggiungerò anche questa povera famiglia…l’altra è già on-line con la sua segnalazione…
      Cordialmente
      Silvia

  5. PAOLA STOPPIONI says:

    Buonasera Silvia le vorrei segnalare che anche nel mio paese ,REGGELLO prov.di Firenze c’è una famiglia che ha
    perso tre figli in guerra ed è la famiglia ARNETOLI .
    I tre figli caduti sono :ARNETOLI ANGELO nato a Reggello (Fi) il 19.12.1891
    da Giovacchino e Cantucci Clementina
    soldato del 70° Reggimento Fanteria 10^ compagnia matricola 47720
    morto il 30.06.1916 sul Monte Maronia (Trento) per un colpo
    di proiettile di artigliera del tipo Shrapnell.
    ARNETOLI GIOCONDO
    nato a Reggello il 6.2.1896
    da Giovacchino e Cantucci Clementina
    soldato del 214° Regg.Fanteria 11^ compagnia matricola 7399
    Morto il 17.06.1916,per ferite di arma da fuoco, sull’Altopiano di Asiago
    nei pressi del monte Lemerle decorato con medaglia d’argento
    ARNETOLI GIUSEPPE
    nato a Reggello il 30.10.1886
    da Giovacchino e Cantucci Clementina
    soldato del 127 ° Reggimento Fanteria matricola 35793
    morto il 18.10.1915 nell’Ospedale da campo n.074
    per colera e sepolto a Dolegna (Gorizia)
    Queste notizie le ho ricavate facendo una ricerca sui caduti del mio COMUNE.
    Grazie

    Paola Stoppioni

  6. Simone Mei says:

    Salbe, nel comune di Remanzacco (UD) , ci fu una famiglia in cui perirono 4 figli al fronte. La famiglia Beltrame. I 4 fratelli Beltrame di Remanzacco, Celso (1893 – 1915), Sisto (1891 – 1916), Pio (1896 – 1918) e Riccardo (1889 – 1916). Morirono tutti nella Guerra ’15-’18. Possiedo anche le loro foto!

  7. Massimiliano Barone says:

    Buon giorno, voglio ringraziare gli autori del sito per questo memoriale che onora i giovani caduti, di allora.
    Sono tre anni e mezzo che sto mettendo insieme l’albero genealogico della mia famiglia, per lasciare un domani a mio figlio la storia delle sue origini. Ho trovato in questo elenco tre fratelli del mio trisnonno, ho recuperato le date di nascita e di morte , il ruolo che ricoprivano e altre info.

    Famiglia Barone di Vogogna (Verbano Cusio Ossola)
    1. Barone Cristoforo, figlio di Valeriano e della Franzini Catterina, nato il 11/11/1893 a Vogogna (d.m. di Novara),Soldato 4° Regg. Alpini, morto il 19/07/1915 sul Monte Nero per ferite
    2. Barone Natale, figlio di Valeriano e della Franzini Catterina, nato il 11/07/1891 a Vogogna (d.m. di Novara), Soldato 5° Regg. Genio, morto il 06/07/1918 in Macedonia per ferite
    3. Barone Silvestro, figlio di Valeriano e della Franzini Catterina, nato il 01/04/1889 a Vogogna (d.m. di Novara), Soldato 4° Regg. Alpini, morto il 06/01/1918 nell’ospedale di guerra n.73 per malattia. Sepolto nel Sacrario di Schio

    Vi chiedo se per caso in archivio avete anche qualche foto dei suddetti interessati, Vi sarei grato se li metteste on line o se cortesemente me le inviate alla mia e-mail. Grazie

    Distinti Saluti
    30/01/2017
    Barone Massimiliano
    Max_75it@yahoo.it

    • Silvia says:

      Buongiorno…
      Foto purtroppo non ne ho…
      Potrebbe però provare a recuperare altri documenti, come i fogli matricolari presso l’archivio di stato di Novara…E anche gli atti di morte, da recuperare in Comune…
      Resto a disposizione
      Silvia

  8. Bruno Festa says:

    Buonasera.
    Conosco da poco, e colpevolmente (da parte mia) questo sito. Interessante, e soprattutto utile. Mi permetterei segnalare che nel Comune dove abito (Gargnano, Bs) ci sono stati tre fratelli caduti durante la Prima Guerra Mondiale. Vi indico le generalità, che ho reperito all’Archivio di Stato di Brescia e che ho verificato con gli elenchi stesi allora dal Comune. Nel caso vi interessasse a scopo di documentazione, posso inviarvi il relativo materiale.
    Colosio Lucio, 1895, 5° Reggimento Alpini, morto sul Monte Ponari il 8.6.1917 in
    combattimento;
    Colosio Giovanni, 1897, Guardia di Finanza, morto in trincea il 21.5.1918 in combattimento;
    Colosio Angelo, 1894, Guardia di Finanza, morto a Santi Quaranta il 17.11.1918 per malattia (deceduto in zona di guerra per malattia contratta in guerra).
    I genitori si chiamavano Felice Colosio e Maria Righettini. Risiedevano nella frazione Zuino, in Comune di Gargnano.

    • Silvia says:

      Buonasera…
      Grazie della segnalazione…quanto prima inserirò questa famiglia nella lista, come sua segnalazione…
      Potrebbe solo segnalarmi, se specificato, i rispettivi luoghi di morte, anche via mail, di Giovanni e Angelo?
      Grazie e saluti
      Silvia

      • bruno festa says:

        Il documento riporta che Giovanni è morto in combattimento in trincea, ma non specifica il luogo.
        Per Angelo si indica chiaramente Santi Quaranta, per malattia.
        Niente altro, purtroppo.
        Grazie e complimenti per il suo lavoro.
        Bruno Festa

  9. Fausto says:

    buonasera Silvia,
    le ho già scritto in privato, ma vorrei anche pubblicamente complimentarmi per l’ottimo lavoro che sta svolgendo con questo sito. Ma voglio anche ringraziarla: non è facile descrivere il contrasto di emozioni che ho provato nel poter dare un nome, e un volto, a quello che era solo un vago ricordo di infanzia, quando mia madre mi raccontava del (suo) nonno, che aveva perso tre fratelli in guerra. Sono Domenico, Vincenzo e Pietro Gherardi, di Quattro Castella (RE). Il bisnonno, unico fratello superstite, si chiamava Paolo. Non so neppure se in guerra ci abbia combattuto pure lui, oppure no. Ho iniziato una serie di ricerche personali, per ora con esiti contrastanti. Eventualmente le riferirò privatamente. Per il momento, un sentito grazie.

  10. Massimo De Ponti says:

    segnalo i tre fratelli Cantù (figli di Giuseppe e di Sesana Giovanna) del Comune di Trezzo sull’Adda (Mi) caduti tra il 1917 e il 1918.
    Cordiali saluti
    Max

  11. Gesuino Loi says:

    Buongiorno, complimenti per il lavoro di ricerca svolto, molto interessante e altamente utile per gli appassionati e per chi studia i fenomeni della grande guerra.
    Le comunico che manca la famiglia Maccioni-Piras di Mogoro ( Oristano).
    I tre fratelli caduto sono:
    Maccioni Davide di Giuseppe e Piras Rosa, nato il 2 ottobre 1888, caduto su monte Zebio, nel luglio del 1916, brigata Sassari (152°)
    I gemelli Maccioni Domenico e Maccioni Pietro di Giuseppe e di Piras Rosa, nati il 17 aprile 1882, e caduti, rispettivamente, il 5 settembre 1918, per malattia, anche lui brigata Sassari, e l’altro il altro il 15 aprile 1918, in prigionia, del 150 reggimento fanteria.

    La ricerca può trarre in inganno perchè Domenico nella mascherina dei nominativi viene indicato come nato a Villaputzu, ma all’interno nella sua piccola biografia è esattamente indicato come nato a Mogoro.
    Peraltro di ciò sono certo perchè come punto di partenza ho avuto proprio la lapide dei caduti in guerra di Mogoro e ci sono i tre Maccioni.
    Ho verificato la maternità e risulta la stessa. Senza ombra di dubbio si tratta di tre fratelli, dei quali,, due, quegli nati nel 1882, gemelli.
    Cordiali saluti.

    Gesuino Loi

    • Silvia says:

      La ringrazio davvero della segnalazione…
      Ho già provveduto ad inserirli in questa sezione e grazie a lei potranno essere ricordati…
      Saluti cordiali
      Silvia

  12. LEOPOLDO says:

    Buongiorno, anch’ io a titolo personale ho fatto una ricerca sull’albo d’oro Vol. VIII della “BASILICATA ” dei caduti di “LAURIA” – PZ – Analizzando i nomi, i cognomi e la paternità dei caduti , ho notato che alcuni ( 3 o 4 ) hanno la stessa paternità , quindi si potrebbe ipotizzare che i caduti fossero fratelli…- secondo voi potrebbe essere ??
    l’ eventuale risposta la comunicate via email ? Grazie e buon lavoro

    • Silvia says:

      Gentile signor Leopoldo…

      Ho letto ora il suo commento…
      Le rispondo via mail e anche sul sito…
      Sì, potrebbe essere che quei nominativi che ha trovato siano fratelli, è da lì che io comincio…
      Però non è sufficiente per stabilirlo con certezza…occorre il nome della madre per esserne sicuri…
      Io poi contatto i vari comuni per avere queste info…
      Se vuole, lo faccio io, se mi fornisce i nominativi che ha trovato…
      Mi sappia dire
      Saluti cordiali
      Silvia

  13. Arnaldo Vitelli says:

    Vivo a Monghidoro un piccolo paese sull’Appennino Bolognese e sto effettuando una ricerca nell’archivio comunale per l’allestimento di una mostra sui nostri caduti nella grande guerra ( ben 172 su una popolazione di meno di 5000 abitanti).
    Vorrei segnalare una famiglia con tre figli morti al fronte.
    Si tratta dei fratelli MACCHIAVELLI figli di Enrico e della Agnese Lupi :
    AUGUSTO nato a Monghidoro (Bo) il 22-06-1885 ivi residente, soldato nel 141° Reggimento Fanteria, morto per ferite a Bosco Cappuccio il 13-10-1915, Medaglia di Bonzo al valor militare.
    CARLO nato a Monghidoro (Bo) nel 1892, ivi residente, soldato nel 19° Reggimento Fanteria, morto per ferite a Vallona il 25-09-1917.
    ROBERTO nato a Monghidoro (Bo) il 15-02-1889, ivi residente, soldato nel 12° reggimento anteria, morto per ferite sul Podgora il 21-07-1915.
    Grazie per il vostro prezioso lavoro

    • Silvia says:

      Ringrazio della preziosa segnalazione: ho provveduto subito ad inserirli…In loro memoria…
      Ha per caso anche la foto dei 3 fratelli??

      Saluti
      Silvia

      • Arnaldo Vitelli says:

        Si, anche se sono poco visibili.
        A quale indirizzo email posso inviarle ?
        (Qui non riesco ad allegarle)
        Cordiali saluti e ancora grazie ( anche per le notizie aggiuntive)
        Arnaldo Vitelli

  14. Giovanni Garzella says:

    Grazie, ho trovato il nome del mio Bisnonno e dei sui tre fratelli ….i Signorini di Pisa. Per avere notizie su come sono morti ed atti a riguardo come posso fare?
    Giovanni Garzella Pisa

    • Silvia says:

      Salve…
      Può recuperare innanzi tutto gli atti di morte in Comune…lì avrà informazioni più dettagliate…Poi può richiedere i fogli matricolari di tutti e 3 presso l’archivio di Stato di Pisa…lì dovrebbe trovare maggiori informazioni militari…
      Ha per caso una foto dei 3 fratelli??
      Sarebbe bello aggiungerla alla ricerca…
      Saluti
      Silvia

  15. Giulia F. says:

    Guardando questa pagina ho forse già avuto la risposta che stavo cercando, ma pongo comunque la domanda. Esistevano dei regolamenti che dispensassero dal servizio al fronte i fratelli o i figli dei caduti? O qualcosa di simile? E c’era una differenza di trattamento, in questo senso, tra graduati e soldati semplici? Sapete indicarmi dove trovare informazioni a riguardo? Grazie

  16. Beppe Bolzoni says:

    Buongiorno, scusatemi, magari questo non è il luogo per fare la segnalazione ma non sono riuscito a trovare altro. anche al mio paese (Romanengo in provincia di Cremona) ci sono 3 fratelli caduti nella prima guerra mondiale. Il loro cognome è DE BRAZZI e DEBRAZZI probabilmente la grafia diversa non ha contribuito ad individuarli come fratelli. Sopra la pagina ufficiale dell’Albo d’Oro dei caduti dove si possono trovare le informazioni. Grazie Beppe

    • admin says:

      Grazie della segnalazione…
      E’ il posto perfetto!!!
      Sa per caso anche il nome della madre????
      Grazie ancora..
      Prossimamente inserirò nella lista, in loro memoria…
      Saluti
      Silvia

      • giuseppe bolzoni says:

        Buonasera, la devo ringraziare perché ha inserito i nomi da me segnalati nel suo sito con le informazioni complete che mi aveva chiesto e pigramente non ho ancora cercato. Ho inserito il link nella mia pagina facebook anche se non riesco mai a capire in questa epoca di social cosa significhi copyright ma è chiaro che se non fosse d’accordo lo tolgo subito.
        Saluti Beppe

        • admin says:

          Buonasera…
          Il copyright e’ riferito al “copia e incolla” degli articoli o foto che qualcuno crede di poter fare liberamente senza autorizzazione…
          I link al sito vanno benissimo, anzi fanno piacere….
          Mi indica la sua pagina facebook??
          Grazie ancora della segnalazione…
          Cordialmente
          Silvia

  17. MASSIMILIANO GALASSO says:

    buongiorno, segnalo i miei tre prozii Caduti in guerra:

    caporale PIZZOLITTO ISIDORO nato a Cesarolo nel 1881, 2^ Compagnia del 119° Reggimento Fanteria, caduto in combattimento il 20.05.1917 a Quota 126 (Grazigna);

    fante PIZZOLITTO GIOVANNI nato a Cesarolo nel 1892, 8^ Compagnia del 71° Reggimento Fanteria, caduto in combattimento il 28.06.1916 a Forte Pozzacchio (Asiago);

    fante PIZZOLITTO GIACOMO nato a Cesarolo nel 1893, 1^ Sezione mitraglieri del 158° Reggimento Fanteria, deceduto per ferite riportate in combattimento il 14.10.1916 a Monte Pallon.

    saluti,
    Massimiliano Galasso

  18. Silvana Lubrano says:

    Salve sto cercando il luogo in cui sono stati sepolti i miei prozii.
    IZZO MICHELE DI MARCELLINO NATO IL 19 FEBBRAIO 1891 IN EGITTO MORTO IL 3 NOVEMBRE 1915 IN MEDIO ISONZO PER FATTO DI GUERRA
    IZZO GIUSEPPE DI MARCELLINO NATO IL 24 APRILE 1895 IN EGITTO MORTO IL 28 OTTORE 1915 A TOLMINO PER FERITE IN COMBATTIMENTO
    IZZO ANTONIO DI MARCELLINO NATO IN EGITTO IL 26MARZO 1893 E MORTO IL 25 OTTOBRE 1915NELLA SETTIMA SEZIONE DI Sanità PER MALATTIA
    VI PREGO AIUTATEMI A TROVARLI LA NIPOTE DESIDERA TANTO SAPERE DOVE SONO

  19. frosini claude says:

    Buongiorno
    Sono francese , il mlo grande zio bernardi claudio nato il 29 luglio 1887 e portato disperso il 16 gennaio 1918 sul monte grappa
    Potete mi dire dove posso trovare i sui resti qua su
    Grazie per tutto

  20. Marino Zordan says:

    Tre fratelli di mio padre sono morti duranta la prima guerra mondiale:
    Zordan Albino 6° regg. alpini nato a Crespadoro (VI) 28 ottobre 1889 morto il 20 novembre in prigionia per malattia .
    Zordan Ambrogio 19° regg. fanteria nato a Crespadoro (VI) 24 dicembre 1895 morto il 18 aprile 1917 nell’ospedaletto da campo n.76 per ferite riportate.
    Zordan Costantino 6° regg. alpini nato a Crespadoro (VI) 15 agosto 1886 morto il 16 maggio 1916 sul monte Coston D’Arsiero per ferite riportate.
    Genitori Zordan Luigi e Ramazzini Domenica

    • admin says:

      Ringrazio davvero della segnalazione…
      Ho provveduto ad inserire anche i tre Fratelli Zordan..
      In loro memoria…

  21. Stanis says:

    Complimentissimi Silvia,
    condividiamo la stessa passione, ti ringrazio immensamente per la risposta ad una mia domanda sul forum cimeetrincee riguardante la motivazione per una medaglia d’argento e a tal proposito, visto che in questo tuo sito c’è una sezione dedicata alle famiglie che persero 3 o più figli in guerra, vorrei segnalarti i fratelli Zenato (Giovanni, Luigi e Pasquale di Ferdinando) di Boara Polesine in provincia di Rovigo.
    Spero di esserti stato utile e se ti servono info contattami pure.
    Un saluto,
    Stanis

  22. admin says:

    Riporto fedelmente il pensiero che il Signor Pistilli Sipio Alberto, nipote dei tre fratelli Pistilli di Campobasso caduti in guerra, mi ha gentilmente inviato…Lo ringrazio infinitamente della cortesia e sensibilità e di avermi fornito una copia della foto dei tre fratelli militi, suoi zii:
    Campobasso, 10 Aprile 2013
    Gentile Signora Silvia,
    l’iniziativa di ricordare i Caduti in guerra è nobilissima e la Sua è particolarmente apprezzabile perchè esalta ancor di più il senso della Patria allorchè va alla ricerca di quelle Famiglie che, con il sacrificio più elevato, sul piano numerico, dei propri Figli, esultarono, pur piangenti, quando tutte le campane d’Italia fecero sentire la loro voce per annunziare che finalmente era arrivata la Vittoria per la quale tutti gli Italiani, di qualsiasi Regione e di qualsiasi ceto sociale, avevano combattuto. Io, nipote (91 anni) di quei tre Fratelli che Lei sta esaltando, insieme agli altri Caduti che Lei stessa ha ricercato e trovato, non posso fare altro che ringraziarLa perchè, oltre tutto, sta scrivendo una pagina di Storia che pochi conoscono.
    Mi ricordi e voglia accettare il mio GRAZIE ed un saluto cordiale,
    Alberto Pistilli Sipio

  23. Aurora Cantini says:

    il pensiero che più conta è ricordare sempre il fatto che tanti, tantissimi ragazzi nel fiore degli anni sono morti in Guerra.
    Il mio personale pensiero va ai miei quattro prozii, fratelli di mia nonna Angelina, Caduti sul fronte nella Grande Guerra. Il fatto che si parli di un periodo così lontano nel tempo e nello spazio vissuto, ci spinge a dimenticare che quei ragazzi, immortalati per sempre in fotografie sgranate e ingiallite, erano ventenni come lo possono essere quelli di oggi, RAGAZZI, leggeri e fragili come vetro, pieni di sogni, di ardori, ma anche impulsivi e spericolati, come  sono TUTTI I RAGAZZI a quell’età, di ogni epoca, di ogni strada, di ogni colore.
    Vederli impettiti in divise di due taglie più grandi, con la brillantina sui capelli e la scriminatura a lato, seri e posati, già così adulti nella postura accanto alla poltrona o davanti alla caserma, dai nomi di battesimo ormai in disuso, ce li rende più anziani di quello che non fossero realmente, e tendiamo a non ricordare i loro pochi anni di respiro su questa terra. Dei miei prozii ho scritto nel mio libro “Lassù dove si toccava il cielo”:
    “Se ne sono andati uno dopo l’altro, uno per ogni anno di guerra, mentre chi attendeva tra questi monti si affidava alla Fede. Raccontava una delle sorelle, Angelina, che la notte prima dell’arrivo del telegramma si sentivano come dei passi sulle scale ed un rumore di catenaccio aperto, quasi che uno dei ragazzi volesse tornare un’ultima volta a salutare i propri cari; allora i familiari capivano che uno di loro era morto. Così fu per tre volte.”
    Una lapide sulla facciata della casa dove nacquero nella contrada Amora Bassa, borgo di contadini montanari (scarpe grosse cervello fino) così recita: “In questa casa nacquero i Quattro fratelli Carrara, che diedero la vita per la Patria.”
    È stata inaugurata tardi, l’8 ottobre 1972, ma la sua benedizione è stata affidata ad un uomo della terra di Bergamo, forte e di spirito battagliero come i quattro ragazzi: don Bepo Vavassori, del patronato San Vincenzo. Io ero una bambina, appollaiata in alto, ad osservare quella sterminata moltitudine in raccoglimento, e mi immaginavo i miei quattro zii, come angeli bianchi, che dall’alto sbirciavano ridendo e dandosi le gomitate, mentre don Bepo parlava di loro con affetto commosso. Decisi proprio allora che da grande avrei parlato di loro, perchè quei 4 guerrieri erano vivi nel mio sangue, quel sangue sgocciolato via dal loro grande, indomito cuore

  24. Gabriele Zaniboni says:

    Cara Silvia, come non posso essere contento per aver dato voce a mio nonno e ai suoi tre fratelli morti nella G.G. Nessuno più ormai li avrebbe ricordati. Così il mio pensiero va alla mia nonna Maria. Sposò il suo Terigi il giorno di S. Stefano del 1915, aveva già due figli e il terzo, mio padre, nacque nell’ottobre del 1916 tre mesi dopo la morte di suo padre. Mia nonna portò il lutto per tutta la vita, visse nella casa degli Zaniboni rispettata e considerata per la sua grande forza d’animo.
    Grazie anche per avermi dato le notizie di Adone Moi di Carbonara. Ho subito mandato una mail a suo nipote Giovanni che, con grande commozione, mi ha ringraziato per le notizie che mi hai dato e non mancherà di farlo personalmente.
    Un arrivederci di cuore Gabriele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *