ALBUM FOTOGRAFICO

Questa sezione è dedicata interamente alle foto della Grande Guerra…a partire dalle foto ricordo del mio bis-nonno, sino ad arrivare alle vostre, quelle dei vostri parenti, foto dei campi di battaglia, dei luoghi della guerra, ecc…

come se fosse un ALBUM di foto di famiglia….

 

  • Stanza n.1: cartoline-foto del mio bis-nonno, compagni d’armi, probabilmente scattate prima della partenza al fronte:

CLICCA SULL’IMMAGINE PER ACCEDERE ALLA STANZA N.1

  • Stanza n.2: foto/cartoline trovate o inviate da Voi, come se fosse il Vostro Album Virtuale di Famiglia:

CLICCA SULL’IMMAGINE PER ACCEDERE ALLA STANZA N.2

  • Stanza n.3: foto/cartoline trovate o inviate da Voi, come se fosse il Vostro Album Virtuale di Famiglia:

CLICCA SULL’IMMAGINE PER ACCEDERE ALLA STANZA N.3

  • Stanza n.4: foto/cartoline trovate o inviate da Voi, come se fosse il Vostro Album Virtuale di Famiglia:

CLICCA SULL’IMMAGINE PER ACCEDERE ALLA STANZA N.4

  • Stanza n.5 : dedicata all’Album di guerra della famiglia di Pierluigi Roesler-Franz:

CLICCA SULL’IMMAGINE PER ACCEDERE ALLA STANZA N.5

  • Val Posina: Album di guerra di Pietri Amedeo, suddiviso per argomenti:

CLICCA SULL’IMMAGINE PER ENTRARE NELLA STANZA “Val Posina”

  • Strafexpedition e Asiago: Album di guerra di Pietri Amedeo, suddiviso per argomenti:

CLICCA SULL’IMMAGINE PER ENTRARE NELLA STANZA “Strafexpedition e Asiago”

  • Isonzo e Artiglieria: Album di guerra di Pietri Amedeo, suddiviso per argomenti:

CLICCA SULL’IMMAGINE PER ENTRARE NELLA STANZA “Isonzo e Artiglieria”

  • Zone Montane e Celebrazioni religiose: Album di guerra di Pietri Amedeo, suddiviso per argomenti:

CLICCA SULL’IMMAGINE PER ENTRARE NELLA STANZA “Zone Montane e Celebrazioni religiose”

14 thoughts on “ALBUM FOTOGRAFICO

  1. Anna Primofiore says:

    Qualcuno mi può documentare, sul luogo di sepoltura di un mio zio ,morto nella prima guerra mondiale . Il nome è Giardina Sebastiano nato a Cassaro Prov: Siracusa, il 5/03/1894 e morto il 14/08/1916 sul Medio Isonzo. Grazie

  2. Concetta says:

    Mio nonno Corso Santo nato a Milazzo il 15 Novembre 1885 222^reggimento Fanteria presunta morte 14 Maggio 1917 sul Monte Santo Val Cava. Disperso. Lasciò mio padre che aveva 6 mesi e mia zia di 5 anni. Mia nonna per tanti anni aspettò il suo ritorno visto che di lui non ebbe nessuna notizia ne ferito ne sepolto. Nessuna Tomba su cui piangere. Il dubbio resta sempre anche a me. Disperso o sepolto in un dei tanti cimiteri o Ossari sparsi anche in Slovenia? Avete qualche esperienza in merito riguardo altri dispersi? Lo devo a mio padre Corso Francesco che non c è più ed è cresciuto col tesserino Orfano di guerra. Complimenti per il sito ove la memoria di tutti quei giovani belli e forti morti perla Patria non si spegni mai. Grazie Concetta Corso.

    • Silvia says:

      Salve…
      Ho trovato più di una volta casi di ipotetici dispersi che invece figurano tra i noti di qualche sacrario…
      Come però ho trovato casi in cui effettivamente il soldato fu dato per disperso…
      Provi comunque due strade: la prima è richiedere copia integrale dell’atto di morte nel Comune di residenza, se mai fu trasmesso. Se fu effettivamente disperso potrebbe non esserci l’atto ma una dichiarazione di presunta morte (va cercata anche almeno sino agli anni ’40).
      Poi il foglio matricolare all’archivio di stato della provincia di residenza…

  3. Amedeo Venerucci says:

    Anche io cerco la salma di mio nonno, morto sul Carso il 25 Maggio 1917, ho ritrovato le cartoline postali e le lettere che inviava a mia nonna, l’indirizzo in zona di Guerra era:
    VENERUCCI ALVORIO DI ANTONIO 263.mo FANTERIA, 6.sta Compagnia, 2°BATTAGLIONE
    Come posso fare per avere notizie dove è stato sepolto?
    Ho trovato il suo nominativo nell’Albo d’oro dei militari caduti nella guerra 195-1918 ecco il testo:
    VENERUCCI ALVORIO DI ANTONIO
    SOLDATO 263° REGGIMENTO FANTERIA nato il 10 Settembre 1878 a Montegrimano ,distretto militare di Pesaro morto il 25 maggio 1917 morto sul CARSO per ferite riportate in combattimento.
    Chi mi può aiutare?

  4. Claudio Pelagalli says:

    Solo oggi ho scoperto che mio nonno Enrico (Pelagalli) è deceduto sul Monte Colbrion il 22 maggio 1917, da ferite riportate in combattimento. Fino ad oggi eravamo convinti che fosse disperso, non è che qualcuno possa darmi notizie? Naturalmente già ho contattato il Ministero Della Difesa.
    Alcuni dati di mio nonno: Zappatore Enrico Pelagalli, 60 Reggimento Fanteria, 2° Nucleo Zappatori, nato a Cingoli il 5 gennaio 1886. Si era fregiato del distintivo istituito con Regio decreto del 21 maggio 1916 n° 641. La mia email è: claudiopelagalli@virgilio.it. Vi ringrazio.

    • Silvia says:

      Salve…
      E cosa ha risposto il Ministero?Comunque il Pelagalli risulta sepolto nel Cimitero di Trento, la salma proveniente dall’ex cimitero militare di Paneveggio.
      Silvia

  5. Mariagrazia says:

    Ho alcune foto e la medaglia di mio nonno. Della guerr 15. 18. Qualcuno può dirmi come posso fare per pubblicarle non voglio vadano perse e dimenticate Grazie potete inviarmi una mail marlazz@alice.it
    Lazzaretti MGrazia

  6. Brunetti says:

    Buon Giorno ,Mio nono ha fatto la grande guerra, e dopo e partito per la francia dove e morto, dove posso trovare una lista dei combattanti e dove ha combatuto ? il suo nome Brunetti Luigi nativo du Rocca d’evandro provincia di Napoli. razzi

  7. Beatrice Spruill says:

    Viglio sapere, mio nono è 15 reggimento fanteria nella Compagnia S.111 entrato in zona guerra il 4-3-16. Suo name Basaïa Mario di Antonio, di Legnago (VR). Que devo fare per sapere piu?
    If you can write in English or French, that would help me. Grazzie.

  8. atanaso sebastiano says:

    Oggi 30.12.2012 mi sono recato sul monte piana assieme a mia moglie per visitare i luoghi dove combatterono i nostri nonni, devo dire che la scarpinata di ca. 5km all’andata e altrettanto al ritorno con non poca fatica ne è valsa la pena. Penso che molto spesso dimentichiamo il sacrificio fatto per noi da tanti poveri ragazzi poco più che vent’enni e molte volte anche appena diciott’enni. A loro va il mio ringraziamento per averci dato la libertà di cui oggi godiamo. Grazie a tutti voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *